Perche’ conviene amarsi a distanza

evakent
[L’ILLETTERATA]

evakentDevo convenire con voi, miei giovani lettori, che il libro di cui sto per parlarvi, ben lungi dall’essere un romanzo, come spesso è accaduto tra queste pagine dedicate alla letteratura, è un divertente

pamphlet sulle coppie contemporanee che si adorano a distanza. Più che di un testo con intenti polemici però si tratta di una guida che scava nei meandri di quei rapporti che sopravvivono grazie al telefono, ai viaggi aerei e ferroviari e alla pazienza (o all’estrema voglia di libertà…) di chi lo vive.
Confesso che mi ha colpito, in principio, proprio per il fatto che, anche io, da qualche tempo, vivo un rapporto di questo tipo, con tutti gli alti e bassi che la vita già di suo ci mette davanti e che, in questo caso, vengono amplificati da una considerevole distanza chilometrica.

Antonella Piperno e Piero Valesio, giornalisti, lei romana, lui torinese, sono gli autori di E vissero felici e lontani, edizione Giulio Perrone, libro graffiante, divertente, ironico, curioso quanto basta per rallegrare un’afosa sera d’estate o un torrido pomeriggio passato al mare sotto l’ombrellone.
Tuffarsi o non tuffarsi? Fidarsi o no di un rapporto dove l’altro non è quotidianamente sotto gli occhi, con cui non si condividono bagno, letto, divano e caffè del mattino, parecchio lontano insomma, da rassicuranti scenari casalinghi? Se siete fautori dell’amore come fusione assoluta, questo libro forse non fa per voi, ma se siete single ansiosi di cambiare status senza cambiare vita, o reduci di convivenze o matrimoni falliti, forse è il caso di prenderne in considerazione almeno la lettura. In una ambivalente visione (quella di lei e quella di lui) vengono elencate diligentemente tutte le motivazioni che potrebbero spingere a prediligere una relazione di questo tipo: l’amore dura di più, si litiga sommariamente meno, il sesso è più entusiasmante, ogni incontro rappresenta una sorta di vacanza e costringe a liberarsi anche dello spettro oscuro della gelosia. Seguono consigli preziosi su come gestire telefoni, videofonini, rapporti con famiglie, ex coniugi, e figli e amici, imparando così anche a gestire eventuali crisi prima che diventino causa di distanza mentale, vivendo davvero felici, lontani e contenti.

Devo ammettere di aver riso di gusto di fronte a questo libro, tutto sommato di un genere abbastanza popolare recentemente (quello dei manuali ironico sarcastici sulla vita di coppia), ma scritto in un linguaggio davvero azzeccato e, soprattutto, molto interessante per le trovate semplici quanto geniali che riguardano il settore consigli. Della serie: quello che tutti pensiamo ma non abbiamo il coraggio di dire? Forse. In ogni caso una lettura semplice e godibilissima che può diventare anche uno spunto interessante dal quale partire per fare breccia nel cuore del “mitico” vicino di ombrellone, che guarda caso abita proprio dall’altra parte dello Stivale rispetto a noi…hai visto mai?!

A. Piperno- P. Valesio, E vissero felice lontani, Giulio Perrone, pg 124, € 9.00

evakent.74@gmail.com

Antonella Piperno, E vissero felici e distanti, martelive, martemagazine, Perch� conviene amarsi a distanzaLetteratura, Piero Valesio, Rubriche2

Lascia un commento

Viale Pico delle Mirandola, 15
00142 - Roma
P.IVA 11924061002

redazione@martemagazine.it
tel. 0686760565

Utility

Contenuti

martemagazine.it © Associazione Culturale Procult - 2007  - Registrazione tribunale di Roma n. 19/2022 del 10 febbraio 2022