Areamag: non è mai tardi per avere un’infanzia felice

20110127-DSC_5355_copy
[MUSICA]

20110127-DSC_5355_copyROMA- L’Asino che vola: un piccolo palco, in una piccola grotta, sul soffitto tanti cd sospesi che sembrano stelle, cuscini, pouf e sulla scena domina con fierezza un contrabbasso, accanto a lui, una chitarra acustica. Niente fronzoli, niente fonico, nessuna amplificazione per il concerto che Areamag, al secolo Gabriele Ortenzi, ci presenta stasera.

Fil-rouge del live è il Dio per eccellenza: “L’amore”. Con Ortenzi (voce e chitarra) Sergio L’Amore, contrabbassista dalla personalità brillante e con uno spiccato sense of humour. Il sentimento più decantato da poeti, filosofi e musici, Areamag lo canta con le parole dei suoi brani, tratti dall’album Si salvi chi può uscito ad ottobre ed autoprodotto, e con delle bellissime cover che sarebbe più giusto chiamare rivisitazioni.

Nonostante il concerto sia in acustico, non diventa mai noioso. I due musicisti si destreggiano tra musica e battute, raccontando e implicitamente raccontandosi.
Quello che salta agli occhi o meglio alle orecchie è un gioco di suoni puliti. Ortenzi è molto sperimentale e la voce non la usa solo per cantare, a volte diventa base degli stessi brani e non è mai fuori luogo, anzi sempre piacevole. Sembra un bambino che si diverte a scoprire, conoscere, senza preoccuparsi di quello che gli altri penseranno. Gli effetti sono i suoi lego, la musica la sua pasta pongo e con la stessa innocenza di un bimbo è davanti ai suoi spettatori coccolato dagli applausi e dalle fedelissime, che cantano e ballano i suoi pezzi.

Ortenzi e L’Amore sembrano la Volpe e il Piccolo Principe di Saint-Exupéry, necessari l’uno per l’altro durante il concerto, complici nella musica e nella burla.

I brani di Si Salvi Chi Può si inseriscono perfettamente nel filone del cantautorato romano, quello alla Silvestri per 20110126-DSC_5800_copyintenderci, ma con una sana immaturità, quella che rende perfetti. Parlano di vita, di quotidianità, del sentirsi a volte fuori luogo in mondo imperfetto, cogliendo i disagi di un uomo solo, in una società che è solo un insieme di individui che non sanno stare al mondo. Quando hanno riproposto “Una Ragazza In Due”, brano portato alla fama negli anni ’50 dai Giganti, la gente è esplosa in un applauso, stessa sorte per il brano più celebre di Ortenzi &Co. “Feisbum”, che è una presa in giro a noi stessi e sulla quale si sorride, perchè il nostro grillo parlante ci ricorda quanto sia vera la nostra conclamata, o meno, dipendenza dal web.
Un concerto piacevolissimo, arricchito dall’atmosfera fanciullesca e dai sorrisi. Come il fanciullino del famoso poeta, quello che ci portiamo dentro e guai perderlo. Guai smettere di essere curiosi, guai smettere di essere un pò innocenti. Questo il messaggio che arriva dalle corde morbide del contrabbasso e della chitarra, perchè forse restando fanciullo puoi ancora indignarti, puoi ancora guardare con onestà ciò che hai intorno, puoi ancora sperare di essere salvo.

Ornella Stagno
Foto di Federico Ugolini 

Areamag, Gabriele Ortenzi, L'Asino che vola, martelive, martemagazine, musica, Ornella Stagno, si salvi chi può

Lascia un commento

Viale Pico delle Mirandola, 15
00142 - Roma
P.IVA 11924061002

redazione@martemagazine.it
tel. 0686760565

Utility

Contenuti

martemagazine.it © Associazione Culturale Procult - 2007  - Registrazione tribunale di Roma n. 19/2022 del 10 febbraio 2022