Strawberry Fields: John Lennon Alive

john-lennon-peace1
[CINEMA & MUSICA]

john-lennon-peace1ROMA – Se per qualche ragione ci dovessimo chiedere quale nome tra quelli di artisti e figure di rilievo contemporanei scomparsi è stato protagonista con le sue celebrazioni in questa seconda metà del 2010, la risposta ricadrebbe senz’altro su quello di John Lennon, di cui lo scorso 9 0ttobre si sono festeggiati in tutto il mondo (e anche sulla rete) i 70 anni (mai compiuti) e di cui il prossimo 8 dicembre ricorre il quarantesimo anniversario della morte.

In ogni angolo del pianeta in questi due giorni dell’anno da quando il cantante è stato assassinato, si commemora e si festeggia il cantante, il profeta, il poeta, il sognatore Lennon; tutti d’accordo, senza far caso alle differenze, uniti, gente di ogni razza, religione e credo, proprio come JohnLennon si auspicava che sarebbe successo nel suo sogno di convivenza pacifica tra gli esseri umani.
Il luogo privilegiato e più simbolico delle celebrazioni lennoniane, dove le persone si radunano spontaneamente ogni volta, è da sempre lo Strawberry Fields Memorial di Central Park a New York, un’ area del parco il cui nome è ispirato alla nota canzone dei Beatles dedicata alla memoria del cantante. Diventata nei decenni ormai un vero e proprio luogo di culto, dove fan, turisti e visitatori si recano per portare candele, biglietti e omaggi floreali, questa zona venne inaugurata nel 1985 in occasione del quarantacinquesimo anniversario della nascita di Lennon e con il suo mosaico Imagine in bianco e nero (dono della città di Napoli a New York) richiama a sé persone che vogliono celebrare il messaggio di pace, amore,solidarietà e uguaglianza che Lennon ha tenuto a diffondere fino alla fine.
La vita e le iniziative che gravitano intorno a questo lembo di terra di Central Park sono state ultimamente immortalate dalle telecamere del giornalista e produttore americano Mark R. Elsis per farne il documentario Strawberry Fields: Keeping the Spirit of John Lennon Alive girato nel 2009 e non ancora uscito in Italia.

Abbiamo assistito alla proiezione dell’anteprima italiana del film alla Domus Talenti la sera di martedì 16 novembre e in una sala gremita di gente ci siamo ritrovati ad avere un accesso privilegiato a un universo nutrito e costruito sugli ideali lennoniani fatto di persone provenienti da ogni parte del mondo, che onorano John Lennon allo Strawberry Fields Memorial nel giorno del suo compleanno (9 Ottobre). Non si è trattato di una serata incentrata unicamente sulla visione del film, ma di un’iniziativa multidisciplinare all’insegna dei festeggiamenti dell’arte di Lennon e del progetto che il documentario propone, che si sono espressi soprattutto nella partecipazione della cantante jazz  Francesca Ciommei che ha arricchito l’evento dell’anteprima esibendosi nell’intervallo tra un capitolo e un altro del documentario, riproponendo un mix di capolavori lennoniani rivisitati in chiave leggermente jazz con arrangiamenti pop a cappella, a due voci, con la mirabile chitarra di Daniele De Salvo in accompagnamento, interpretati magistralmente, presi sia del periodo beatlesiano del cantante che da quello da solista.

Il documentario Strawberry Fields: Keeping the Spirit of John Lennon Alive nasce come un’opera di amore e stima nei confronti del cantante e poeta come artista e come persona e allo stesso tempo come un mirabile tentativo di promozione attiva dell’idea di istituire una festività internazionale in onore di John Lennon, e del suo contributo al diffondersi di iniziative di pace e progetti che contribuiscono al progresso spirituale e intellettuale dell’uomo, da celebrarsi ogni 9 ottobre in tutte le nazioni del globo.
Riprendendo i momenti e i luoghi cruciali della vita di John (e per gran parte dei Beatles) dalla nascita alla tragica scomparsa e documentando l’immenso affetto tuttora vivo per l’uomo John, artista e comunicatore globale, attraverso interviste e testimonianze assolutamente inedite – rilasciate da gente comune o da personaggi famosi e importanti nella vita del cantante come il produttore Phil Spector – il film risulta essere nella sua sintesi un documento importante, una specie di summa profondamente laica che racchiude ed esprime i valori, le ragioni, i motivi e gli ideali per cui Lennon si è esposto – una tesi riguardo alla morte dell’artista, ripresa anche nel documentario, è che sia stata la CIA a commissionare l’omicidio per eliminare un personaggio troppo scomodo per gli interessi del governo americano nella guerra del Vietnam-, e ha manifestato ed è riuscito a dare voce con la sua arte, che parlano di un’idea emozionante e talmente forte da sembrare possibile, di amore e convivenza pacifica sul pianeta e che alimentano tutt’oggi, dopo così tanti anni dalla sua scomparsa, la speranza in un mondo migliore.

Alice Salvagni

Alice Salvagni, documentario, Domus Talenti, Francesca Ciommei, John Lennon, Mark R. Elsis, martelive, martemagazine, musica, News, roma, Strawberry Fields: Keeping the Spirit of John Lennon Alive

Lascia un commento

Viale Pico delle Mirandola, 15
00142 - Roma
P.IVA 11924061002

redazione@martemagazine.it
tel. 0686760565

Utility

Contenuti

martemagazine.it © Associazione Culturale Procult - 2007  - Registrazione tribunale di Roma n. 19/2022 del 10 febbraio 2022