M. Sauvageot, Lasciami Sola, Guanda

LIBRI- L’arte come sostegno, come aiuto, come nutrimento e coinvolgimento dell’anima…l’arte è la libertà di produrre un’impronta che nessun altro potrebbe lasciare…l’arte è l’espressione individuale della nostra anima.
L’arteterapia è l’uso dell’arte come strumento per elaborare le proprie emozioni più difficili da accettare, divenendo così una sorta di contenitore dove le emozioni, le sensazioni trovano libero sfogo, trovano rifugio.. E’ la sensazione che ho avuto quando una mia cara amica mi ha consigliato di leggere il libro di Marcelle Sauvageot (1900-1934) Lasciami sola, della casa editrice Guanda.

Non lo considererei un romanzo, ma semplicemente un Commentaire, come lo definì l’autrice stessa (peraltro titolo originale dell’opera)…“il grido di un’anima ferita in cerca di guarigione e di una solitudine esigente”.
Marcelle, insegnante di lettere, malata di tubercolosi agli inizi del ‘900, prossima alla morte e chiusa in un sanatorio, riceve una lettere dal suo amato, il quale le comunica: “Mi sposo…la nostra amicizia continuerà…”.

E’ in questo preciso istante che nella donna abbandonata oltre che al suo triste destino di una malattia che non le lascerà via di scampo ma anche dal suo grande amore, che si sviluppa una sorta di necessità di sfogare tutta la sua disperazione, la sua delusione e soprattutto la sua solitudine…riflettendo, scrivendo sui rapporti tra uomo e donna, sul giudizio dell’altro, sulla gelosia, sulla morte…

Marcelle decide allora di rispondere al suo amato con una lunga lettera, che non gli spedirà mai. Una sorta di grido di dolore.
Decide così di essere lasciata sola al suo destino e attraverso questo viaggio interiore dell’anima,trova sfogo e rifugio nella scrittura diretta, spontanea e intima, la quale diventa una sorta di interlocutore fisso, una risposta costante a se stessa attraverso l’arte dello scrivere.
Marcelle lucidamente analizza, riflette, si confida e parla con se stessa… attraverso l’arte del raccontarsi le proprie emozioni.

L’autrice finche in vita, non volle mai rendere pubblica quest’opera, perché scritta di getto, senza fronzoli narrativi, fu dopo la sua morte che i suoi amici decisero di pubblicare il suo capolavoro. Il libro usci per la prima volta nel 1934 in Francia e fu un caso inedito, sensazionale, anche se pubblicato successivamente a più riprese, per un lungo periodo è rimasto assente dalla ribalta editoriale.

E’ paradossale immaginare che un dolore così totalizzante, una così grande delusione, hanno generato, in una situazione tragica, un capolavoro della letteratura femminile, dove ogni essere umano, al di là del periodo storico si riconosce, considerandolo ancora attuale, ancora capace di farci riflettere e affascinare.

Consiglio di leggere questo libro a tutti coloro che hanno amato anche per un solo momento, nella loro vita…

Titolo: Lasciami sola
Autore: Sauvageot Marcelle
Prezzo: Euro 9,00
Dati: 2005, 89 p., brossura
Traduttore: Ugonotti A.
Editore: Guanda (collana Prosa contemporanea)

Lascia un commento

Viale Pico delle Mirandola, 15
00142 - Roma
P.IVA 11924061002

redazione@martemagazine.it
tel. 0686760565

Utility

Contenuti

martemagazine.it © Associazione Culturale Procult - 2007  - Registrazione tribunale di Roma n. 19/2022 del 10 febbraio 2022