Ma cos’è questa crisi?

[PER QUEL CHE VALE]

Si è discusso al Mei. Si è suonato, cantato, parlato e discusso. Talvolta, le solite cose, ma che purtroppo è spesso utile ripetere e ripetersi. I problemi della mancanza di una legge sulla musica, per la quale, con tanta lena sta lavorando il coordinamento “Diritto alla musica”, la differenza tra major ed etichette indipendenti, la vecchia e celeberrima “crisi discografica”, quella che l’amico Simone Cristicchi chiama “Ernia del disco”.
Beh, le parole degli artisti, quando questi sono grandi, sono in grado di guardare avanti. A volte molto, molto, molto avanti. È il caso di Rodolfo De Angelis, al secolo Rodolfo Tonino (1893-1965), intellettuale futurista a tutto tondo: cantante, autore, musicista, pittore, giornalista e scrittore che nel 1933 scrisse un brano assolutamente comico e tristemente sempreverde, dato che di crisi non si finisce mai di parlare. C’è una morale un po’ facilona forse, dietro le parole di Ma cos’è questa crisi?, ma in fondo è quello che a volte tutti noi vorremmo dire a quelli delle stanze dei bottoni musicali. Inizia così:

Ma cos’è questa crisi?Ma cos’è questa crisi?
Si lamenta l’impresario che il teatro più non va, ma non sa rendere vario lo spettacolo che dà “ah la crisi…e capirai la crisi…”
Ma cos’è questa crisi? Ma cos’è questa crisi?
Metta in scena un buon autore faccia agire un grande attore e vedrà…che la crisi passerà!

Ecco, forse, in questo senso, le etichette indipendenti possono fare molto e moltissimo. Probabilmente esse non lavorano secondo logiche filiali (ieri vedevo il video di un giovane cantautore, un certo Rapetti, mah….) e magari sono quelle che badano di più alla qualità. A volte verrebbe voglia di essere cinici e semplicemente facili come De Angelis e dire all’impresario “x” di mettere in scena dei bravi artisti anche se non parenti e/o amici di qualcuno, ma soprattutto e, ancora di più, di farsi un giro per i locali della nazione dove è davvero troppo difficile scorgere gli impresari “x”. Noi che i locali li viviamo dal di dentro abbiamo una visione molto più chiara di chi è bravo e di chi no, di chi ha una gavetta alle spalle e si vede e di chi non ce l’ha, di chi sa scrivere, di chi sa cantare, di chi sa stare su un palco. Noi lo sappiamo già prima chi ha la stoffa e di chi no. Chi si brucerà presto e chi continuerà a lungo. Spesso azzecchiamo i pronostici. Ma mica perché siamo più intelligenti. Semplicemente perché passiamo lì molte delle nostre sere carenti di sonno. E gli impresari “x” dormono. Dormono troppo.
E parlo da semi-giornalista, ovviamente, più che da semi-cantautore. Ed ecco che il Mei, ovvero le etichette indipendenti, si spera che facciano, almeno loro, quelle veglie interessate che gli impresari “x “ temono di fare. In fondo basta un po’ di caffè la mattina dopo.
Per il resto mi faccio completamente da parte perché so bene che il problema è molto più complesso di queste mie righe. Ma mi permetto di consigliare a tutti (non solo agli “x”) ancora il buon Rodolfo De Angelis e non soltanto nel seguito della canzone citata.

Un riccone avaro e vecchio dice: “ahimè così non và! Vedo nero nello specchio chissà come finirà…ah la crisi…mmh la crisi mmmm”

Ma cos’è questa crisi? Ma cos’è questa crisi?
Cali fuori il portafogli metta in giro i grossi fogli e vedrà…che la crisi finirà!!
Si lamenta Nicodemo della crisi lui che và al casino di Sanremo a giocare al Baccarà:
“Signori c’è la crisi in giro…la crisi”
Ma cos’è questa crisi? Ma cos’è questa crisi?
Lasci stare il bevazzare cerchi un po’ di lavorare e vedrà…che la crisi passerà!!

Tutte quante le nazioni si lamentano così, conferenze riunioni ma si resta sempre lì:
“Signori c’è la crisi…ohhhh…eh la crisi”
Ma cos’è questa crisi? Ma cos’è questa crisi?
Rinunziate all’opinione della parte del leone e chissà…che la crisi passerà!!

L’esercente poveretto non sa più che cosa far e contempla quel cassetto…
“eh bah ma la crisi boh bah la crisi ehhh”
Ma cos’è questa crisi? ma cos’è questa crisi?
Si contenti guadagnare quel che è giusto e non grattare e vedrà…che la crisi passerà!!
E persin la donna bella alla crisi s’intonò e per far la linea snella digiunando sospirò:
“ah la crisi..maledizione la crisi”
Ma cos’è questa crisi? Ma cos’è questa crisi?
Mangi un sacco di patate non disprechi le nottate e vedrà che la curva tornerà!!

Lascia un commento

Viale Pico delle Mirandola, 15
00142 - Roma
P.IVA 11924061002

redazione@martemagazine.it
tel. 0686760565

Utility

Contenuti

martemagazine.it © Associazione Culturale Procult - 2007  - Registrazione tribunale di Roma n. 19/2022 del 10 febbraio 2022