Skip to main content

Tag: Graffi(a)ti ad arte

Festival OcchiRossi

[GRAFFI(A)TI AD ARTE]

Omino_Shiba-okIl forte Prenestino ha ospitato a luglio i tre giorni di OcchiRossi, il festival di fotografia indipendente che anticipa come i fotografi tappezzeranno gli spazi e le aree alternative della Roma autunnale. OcchiRossi al forte Prenestino è solo un’anticipazione estiva dell’esplosione autunnale dei flash, che trovano nuovi o vecchi linguaggi evitando la didascalia e provando la sperimentazione.

Continua a leggere

Eau de Parfum alla Dorothy Circus Gallery

[GRAFFI(A)TI AD ARTE]


Omino_Shiba-okTrasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito rese indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’un’essenza preziosa”, da Alla ricerca del tempo perduto.

Continua a leggere

La giornata del contemporaneo alla Galleria SpazioOfficina 468

[GRAFFI(A)TI AD ARTE ]

shibaPer la Quinta Giornata del Contemporaneo sono tornata alla Galleria SpazioOfficina 468. Si torna sempre nei posti che ci piacciono e che ci fanno stare bene. La gallerista Jeanne Stavropoulou sa creare un ambiente sofisticato e allo stesso tempo accogliente. Quindi dovendo scegliere, nella Giornata Contemporaneo promossa da Amaci, mi sono concessa un luogo familiare.

Continua a leggere

Installazioni ed ecologia dell’arte alla Wunderkammern

[GRAFFI(A)TI AD ARTE]

shibaIl concetto di ecologia è molto più semplice di quello che ci viene presentato dalle teorie scientifiche più o meno catastrofistiche. L’ecologia è semplicemente la “gestione della casa”, il termine òikos in greco aveva il significato di casa -sede e dovremmo sapere tutti cosa vuol dire logos: discorso – ragionamento. Discutere sulla propria casa è la base per programmarne una sua gestione. In questa sede l’arte si dovrebbe far da parte; lasciare a scienziati,  economisti e politici l’organizzazione di uno spazio che è nostro. Forse? O Forse no …

Continua a leggere