Eppela: la piattaforma italiana che finanzia progetti creativi

Abbiamo intervistato Eppela, la piattaforma italiana di crowdfunding, rewed based, dove raccontare, condividere e finanziare progetti creativi e start up. Un confronto per capire come sia possibile trasformare le idee in realtà.

Quando nasce Eppela? che ambiente avete trovato?

Eppela è nata nel maggio 2011. Questo mese compie 4 anni.
Allora s’iniziava a parlare di crowdfunding anche in Italia. Qualche piattaforma era già attiva ma naturalmente i modelli americani apparivano – e in un certo senso lo sono ancora adesso –lontanissimi sia per economie che per partecipazione.
Negli ultimi due anni Eppela ha letteralmente cambiato passo: da una fase di “evangelizzazione” rispetto al crowdfunding, siamo passati a strategie rivolte al risultato, per fornire ai nostri progettisti sempre maggiori possibilità di successo.
L’idea di “una via italiana” per il crowdfunding era ed è affascinante, sopratutto da quando la crisi ha letteralmente piegato la possibilità di ottenere credito dagli interlocutori classici: banche e finanziarie.

Continua a leggere

L’arte del fundraising per la cultura

Fino a poco più di 10 anni fa parlare di marketing culturale o fund-raising per l’arte e lo spettacolo era considerato eresia assoluta, punibile con una maratona dei film di Fassbinder in lingua originale senza sottotitoli. Oggi invece apriamo una rubrica sul tema, il che fa intuire quanto sia cambiato questo mondo dall’inizio del nuovo millennio.

Continua a leggere

Viale Pico delle Mirandola, 15
00142 - Roma
P.IVA 11924061002

redazione@martemagazine.it
tel. 0686760565

Utility

Contenuti

martemagazine.it © Associazione Culturale Procult - 2007  - Registrazione tribunale di Roma n. 19/2022 del 10 febbraio 2022