Street in Gallery

DSC_0446
[ARTI VISIVE]

DSC_0446ROMA- Cosa ci fanno tre musicisti che intonano Django Reinhardt, un artista che dipinge su fogli di carta seduto accanto a loro e una serigrafia del mitico Shepard Fairey, meglio conosciuto come Obey Giant, circondata da tante altre opere in una galleria sotterranea nel quartiere romano Monti?

Sembra l’inizio di una barzelletta o di un giallo, ma in realtà vi stiamo parlando di qualcosa che è accaduto sul serio, un sabato sera di giugno, più precisamente in via degli Zingari a Roma. Esattamente il 17 giugno la Degli Zingari Gallery ha inaugurato la collettiva internazionale Street in Gallery, una mostra che vanta la partecipazione di ben 26 artisti, alcuni dei quali già noti ai nostri lettori: Paola Viola, Eleonora Carboni, Massimo Moroni, Sbrubich, Bato, Millo, Superskull, Simona Marigliano, Nora Yaneva, Giacomo Valentini, Carlotta Spark, Gio Schiano, Sylvie Renault, Agata Chiusano, Fabio Refosco, Ramona Vada, Daniele Conti, Daniela Gabeto, Enrico Bruniera, Matteo Serlupi, Dadenes, Nebel Eich, Dario Imbò, Fiorentino Carrieri, Monz e Pietro Zucca sono i nomi dei protagonisti di Street in Gallery.

L’evento, curato da Sara Pessato, ha l’obiettivo di raccontare la vera arte di strada, quella che attraversando i muri delle metropoli in forma di graffiti e stencil si va a posare sulle superfici lisce delle tele e fotografie e trasporta con sé la musica di chi si esibisce agli angoli o nelle piazze delle nostre città.
Le opere esposte in questa collettiva sono delle cartoline che raccontano attimi di vita quotidiana, immortalati dallo sguardo di ogni singolo artista, in grado di cogliere la vera essenza che si nasconde dietro all’etichetta arte di strada.
Mentre il Mirando Vidal Trio riscaldava l’atmosfera con la musica di Django Reinhartd, Bato dipingeva dal vivo per tutti gli ospiti del vernissage che nel frattempo sorseggiavano vino e gustavano le opere esposte.
Fotografie e tele si esprimono al posto delle parole, come succede guardando le fantastiche immagini della fotografa toscana Carlotta DSC_0434Spark, le quali registrano frammenti di vita urbana fatta di movimento e icone che lanciano messaggi in sottofondo, mentre il traffico di macchinine ferme ai semafori danneggiano il nostro cervello, o meglio il nostro cranio, che urla a squarciagola come quello di Superskull. E poi il contrasto tra il verde dei parchi e il grigiore dei palazzi visti dal basso di un ciuffo d’erba catturato da Pietro Zucca e le visioni metropolitane di Paola Viola che creano un gioco ad effetto con il grigio argento delle scale mobili, come un sali e scendi di emozioni che non si lasciano catturare ma soltanto raccontare.
Emozioni che rimbalzano nel nostro corpo, prospettando un incrocio di ombre e luci come quello del Disturbo Bipolare di Millo, a mio parere una delle opere più belle esposte in galleria, che viene posto di fronte alla supermega fantastica serigrafia di OBEY, il famoso street artist americano che dai disegni su tshirt e tavole da skate è diventato un punto di riferimento per tutti gli appassionati di urban culture che non possono assolutamente perdersi questa mostra. Avete tempo fino al 30 giugno.

Eva Di Tullio
Foto per gentile concessione della Galleria

arti visive, Degli Zingari Gallery, Eva Di Tullio, martelive, martemagazine, Notizie, roma, Street in Gallery

Lascia un commento

Viale Pico delle Mirandola, 15
00142 - Roma
P.IVA 11924061002

redazione@martemagazine.it
tel. 0686760565

Utility

Contenuti

martemagazine.it © Associazione Culturale Procult - 2007