scusi, santità , dove lo metto?

[P2P]

 

dato che la televisione non si può più guardare, che i libri non sono mai stati visti troppo bene, che – purtroppo – si tende ad essere ormai riluttanti a bruciare sovversivi in piazza e che durante una causa di divorzio la concezione immacolata fatica ad essere considerata un’attenuante, le gerarchie vaticane si sono messe a guardare film al cinema. se poi ci mettete pure che non avranno un c. da fare, capite bene che di lì è un passo… ad ogni modo, cito testualmente:
“mi sarei aspettato una scena romantica, soffusa, tenera”
beh, saranno cavoli del regista, no? comunque continua:
“magari un momento d’amore aperto alla vita, ad un figlio”
eh? bah
segue:
“i due attori fanno l’amore in piedi, vestiti, senza guardarsi in faccia: capisco che la scena vada letta e inserita nel contesto del film, ma confesso che anch’io sono rimasto stupito e disturbato”
avevamo la foto del nostro amico stupito e disturbato, ma la decenza ci impone di non mostrarla.

ad ogni modo pare che ora la Chiesa si batterà per la bonifica del cinema internazionale, suggerendo costruttivi emendamenti alle sceneggiature dei film – a parte il fatto che la Bibbia mette in guardia esplicitamente sulle probabilità che dall’unione tra Nanni Moretti e Isabella Ferrari possa nascere l’Anticristo
comunque, ecco di seguito e in anteprima i prossimi progetti che seguirà l’Avvenire:

– PAPA FICTION: due monaci solitari dispensano benedizioni porta a porta iniziando le loro orazioni con il vamoso versetto del l’altrettanto famoso lupo Ezechiele.

– C’ERA UNA VOLTA IN AMERICA: il protagonista scopre che la donna che ha sempre amato in realtà sta da anni con il suo migliore amico. Capirà la situazione solo quando si convicerà delle parole dell’amata: “ma no, Noodles, lui è lo Spirito Santo!”

– INDEPENDENCE DAY: nella nuova versione il raggio che distrugge la Casa Bianca non è sparato da navicelle aliene, ma da folgori divine che intervengono in seguito allo scandalo Lewinsky

– APOCALYPSE NOW: uno stormo di elicotteri di guardie svizzere interviene sul Viet Nam spargendo sui cittadini ettolitri di acqua santa sulle note della Ave Maria di Schubert. Miracolosamente i piccoli neri asiatici si trasformano in angeli biondi che profumano di Chanel N.5 e le loro mitragliatrici diventano candele gigliate.

– BAD (PAPA) BOYS: due scapestrati extracomuniari si ribellano alle ferree regole della comunità di giovani del Vaticano. Verranno puniti dalla divinità diventando famosi rappers

– IL PADRINO: storia di un anziano leader di una comunità di cattolici siculo-anglo-americani dedita allo spaccio di crocifissi benedetti. Nella sceneggiatura ricorretta a ferire Vito non è un proiettile di un avversario, ma la scoperta che il suo figlio maggiore continua ad indugiare in un ostinato onanismo. Nella scena chiave, il giovane Michael invita a cena un poliziotto ed un mafioso ma, invece di ucciderli, li convince ad organizzare il primo Family Day (anche se ci saranno in seguito fraintendimenti sul concetto di Famigghia)

Lascia un commento

Viale Pico delle Mirandola, 15
00142 - Roma
P.IVA 11924061002

redazione@martemagazine.it
tel. 0686760565

Utility

Contenuti

martemagazine.it © Associazione Culturale Procult - 2007  - Registrazione tribunale di Roma n. 19/2022 del 10 febbraio 2022