MUSICA V_ Il folklore Made in italy

giovanni.buonomo-emergenti-7906

giovanni.buonomo-emergenti-7906Il pubblico romano conosce e partecipa al MArteLive da circa dieci anni e nell’immaginario capitolino il festival è diventato una delle massime espressioni di arte e di creatività di tutta la provincia.

Ma non tutti sanno che il MArteLive, da tre anni, ha superato i confini laziali ed è approdato in 17 regioni. Dietro di esso esiste un fermento nazionale che di mese in mese cresce in maniera esponenziale e non ha nessuna intenzione di arrestarsi.
Martedì scorso sono salite sul palco della sala musica emergente, alcune band vincitrici delle selezioni regionali (Sardegna, Umbria, Marche e Abruzzo) per dare vita ad una delle finali macro regionali. L’Alpheus si è arricchito di folklore e il tutto, come da tradizione, è stato una grande espressione di arte a 360° nonostante alcuni incidenti di percorso: la band giunta dalla Sardegna che è stata derubata dei propri strumenti vicino la metro San Paolo, oppure un blackout improvviso che, per qualche minuto, ha lasciato tutto il locale al buio. Ma è in queste occasioni che si manifesta la bellezza del MArteLive: nella solidarietà tra band rivali che danno in prestito i loro strumenti e nella rilassatezza di un pubblico che gioca a mosca cieca.

Il compito di aprire la serata è toccato alla cantautrice Silvia Caracristi che è riuscita ad immergerci in un mondo di soavi melodie. Tra le braccia una chitarra che accompagna una voce sottile e a tratti intimidita. Molta l’attenzione rivolta ai testi e all’emotività.

Gli Olsen Bjorne sono il gruppo selezionato in Sardegna. Gli approcci ai brani risultano molto potenti e la scelta di dedicare maggior spazio alla parte melodica e ritmica si rivela una decisione vincente. Energici e coinvolgenti convincono nonostante l’incidente del furto degli strumenti. Rispetto e ammirazione per la magliettina dei “Ghostbusters” del chitarrista.

Successivamente salgono sul palco gli umbri Telemark. La loro esibizione è poco incisiva e i giovanni.buonomo-emergenti-8001richiami a band italiane come i Negrita sono evidenti fin dalle prime note. Un brano “politico”, un altro dedicato all’oggetto “sveglia” e tanto coraggio e voglia di mettersi alla prova. Basi drum’n’bass che smontano la struttura classica del pop rock italiano. Posseggono tutte le carte in regola per poter migliorare e raggiungere l’originalità.

Il motto dei Teorema è chiaro: “lascia stare non esiste l’x-factor”. Ma non sono propriamente d’accordo. Esistono artisti che nascono con una particolare predisposizione, poi la gavetta e lo studio plasmano questa attitudine che, nei casi più fortunati, diventa il cosiddetto Fattore X: il talento, la capacità di colpire e lasciarti senza fiato. I Teorema ci allietano con un pop rock senza pretese, riescono mediamente a tenere il palco e la loro esperienza decennale si manifesta nell’approccio verso il pubblico. Un rock italiano vecchio stile.

Concludono la lunga serata i Trioraro. Brani orecchiabili, leggeri e piacevoli. Un bassista di origine russa con tanto di bombetta sulla testa. Tanta è la foga e la carica del frontman che, senza sosta, saltella e danza, sono loro i primi a divertirsi. Il passo successivo sarebbe stato scendere dal palco e gettarsi in sala, ma ciò non è accaduto…peccato!

Prossimo appuntamento martedì 1 giugno. Sul palco dei big: This Harmony, Roberto Dell’Era (Afterhours), Piers Faccini e Calibro 35. Una serata da non perdere!

Paola D’Angelo

25 maggio, martelive 2010, martemagazine, musica, Olsen Bjorne, Paola DAngelo, Silvia Caracristi, Telemark, Teorema, Trioraro

Lascia un commento

Viale Pico delle Mirandola, 15
00142 - Roma
P.IVA 11924061002

redazione@martemagazine.it
tel. 0686760565

Utility

Contenuti

martemagazine.it © Associazione Culturale Procult - 2007  - Registrazione tribunale di Roma n. 19/2022 del 10 febbraio 2022