Tag: Max Sannella

Alexander Tucker_ Dorwytch

ALEXANDER_TUCKER

ALEXANDER_TUCKERE’ come rotolarsi dentro un plaid tra visioni e spontaneità compositiva, un disco d’altre atmosfere, di quelle che ti passano sopra la testa come nuvole fuggiasche nei pomeriggi Marzaioli, ed un artista che pizzica la sua chitarra con l’eleganza sfumata di un colore pastello.

Continua a leggere

Nada_ Vamp

nada_vamp

nada_vampNada Malanima, la minorenne vincitrice di un lontanissimo Sanremo, di strada ne ha fatta, da pulcino sgraziato della canzonetta a vera signora della musica pop intellettuale e griffata, ora Vamp di una sentimentalità in continuo aggiornamento, senza mai guardare indietro seguendo il passo evolutivo della musica.

Continua a leggere

The Dodos_ No color

Dodos

DodosDella serie chi salverà gli uomini? Quelle “bestie” degli animali sicuramente. Dalla bassa California col petto gonfio d’orgoglio per aver infilato un successo dietro l’altro, il duo dei The Dodos invitano Neko Case e danno in pasto al pubblico il loro quarto figlio sonoro, un reiterato di pycho-folk che fluidifica minuti di benessere uditivo e stira le membra come una molla.

Continua a leggere

Hunx & His Punx_ Too young to be in love

hunx--his-punx

hunx--his-punxIn epoca di par condicio sessuale e di rapporti interscambiabili lisci come acqua da bere, Hunx & His Punx portano scompiglio divertente e sopra le righe: da Oakland con calzamaglie e chili di “pancetta” arriva il pop squagliato e cool di Seth Bogart and girls, con la raccomandazione gioiosa di non – eventualmente – soffocare i vostri istinti “repressi” ok?!

Continua a leggere

Marta sui Tubi_ Carne con gli occhi

martasuitubi

martasuitubiSurreale, vero e quarto incunabolo alternativo dei siculi Marta Sui Tubi,visioni politiche, Mediterraneo noise sulla corda da equilibrista, rock schiaffeggiante di blitz scoppiettanti che chiazza un manifesto ed un frastuono ideale all’autodeterminazione popolare – inteso come “su la testa” e radici al vento”. Deflagrazioni e grazie crude come un selvaggio cardo asinino.

Continua a leggere

Luca Madonia_ L’alieno

LucaMadonia

LucaMadoniaDalla purpurea cortina dei Denovo della new-wave tricolore alla fresca scioltezza di un rifiorire nella tradizionalità floreale della “Canzone melodica”, Luca Madonia si circonda di “picciotti” di calibro come La Cantantessa Consoli e il Maestro Battiato per ricamare un disco profondo e gioioso che sa di mandorle e bergamotto all’ombra dell’Etna.

Continua a leggere

Amplifier_ The Octopus

AMPLIFIER

AMPLIFIERSe è vero che non basta una vita per assaporare tutto quello che la vita ti da in dono, qui bastano 120 minuti per assaporare e bere libidine “o the rocks” di tutto quello che la musica ha gia messo in circolazione negli anni passati. Mettete questo juke-box, questo oggetto di quiete a zeppa tra generazioni vissute e sogni in technicolor e dite “goodbye terra”…

Continua a leggere

Francesco Garito_ Fotografie

FRANCESCO_GARITO

FRANCESCO_GARITOQuando il nulla si fa grande, quando un disco nasce per non dirti nulla e finisce invece con il graffiarti e carotarti un centimetro di cuore. Il cantatourato di quest’artista calabro/toscano è un’ostinazione scritta di cose già passate e setacciate, ma che come tutte le storie e certe favole che vengono riesumate dandogli aria, tornano nuove e fresche come fiori liofilizzati.

Continua a leggere

Miss Chain & The Broken Heels_ On a bittersweet ride

MISS_CHAIN_THE_BROKEN_HEELS

MISS_CHAIN_THE_BROKEN_HEELSAnni ‘50, pupe in calzette corte e gonna a pois, ciuffi impomatati e bulli innocenti, una pista da ballo continua che fa muovere, sudare, dondolare e riscoprire l’ingenuità e la forza degli albori del rock’n’roll in tutta la sua ribelle malinconia sognante. Cercate un alibi per stoppare il tempo e tornare su quell’onda viva? Ben arrivati, ci siete sopra.

Continua a leggere

Zoey Van Goey_ Propeller Versus Wings

ZOEY_VAN_GOEY

ZOEY_VAN_GOEYCD MUSICA – Folk pop e odore di plumcake appena sfornato, zucchero blu e testa tra le nuvole, queste sono le predominanti tinteggiature visionarie del “mondo a parte” degli Zoey Van Goey, Irlanda, Canada ed Inghilterra che fanno “comune sonica” per un disco strutturato e friabile, una piccola bomboniera di gusto indie che unta le anime semplici ma che resta al palo dell’involuzione.

Continua a leggere

  • 1
  • 2

Viale Pico delle Mirandola, 15
00142 - Roma
P.IVA 11924061002

redazione@martemagazine.it
tel. 0686760565

Utility

Contenuti

martemagazine.it © Associazione Culturale Procult - 2007  - Registrazione tribunale di Roma n. 19/2022 del 10 febbraio 2022