Visualizza articoli per tag: Fumetti

Martedì, 11 Novembre 2008 14:35

Johnny Freak

[STREAP- TEASE: FUMETTI MESSI A NUDO]

diegociorraE’ scivolato via dal calendario un altro Halloween, tra chi non approva l’ennesima “americanata” importata nelle nostre tradizioni, e chi invece considera l’orrorifica notte del 31 ottobre anche più divertente del Carnevale nostrano.
Personalmente di Halloween detesto il campanello di casa che suona a tutti i minuti, con orde strepitanti di ragazzini del quartiere a caccia del loro “dolcetto-scherzetto”, che interrompono le mie letture serali. Ammetto però che, per farmi coinvolgere almeno in parte dal mood della festa, scelgo sempre di rileggere alcune delle mie storie preferite di Dylan Dog, accompagnate da un sottofondo musicale adeguato. Su tutte, le canzoni dei Johnny Freak, band di Cassino le cui liriche si prestano perfettamente come colonna sonora per le tavole in bianco e nero del personaggio di Tiziano Sclavi…

Pubblicato in Rubriche
Martedì, 28 Ottobre 2008 11:09

24 H C D: la maratona della creativitè

[STREAP- TEASE: FUMETTI MESSI A NUDO]

diegociorra«Sono Jack Bauer, e questo è il giorno più lungo della mia vita»
E' con questa frase che si aprivano gli episodi della prima stagione di 24, il serial che ha rappresentato la vera, grande rivoluzione narrativa tra i prodotti seriali televisivi dell'ultimo decennio, tanto da conquistare 11 Emmy e 2 Golden Globe.
La struttura della serie, che vi ricordo nella speranza che sia superfluo e che tutti la seguiate già, prevede che un'intera stagione televisiva racconti una successione di eventi che avvengono nel corso di un solo giorno, ed infatti il numero fisso di episodi è 24, uno per ogni ora della concitata giornata vissuta dal protagonista Jack Bauer.

Pubblicato in Rubriche
Domenica, 13 Luglio 2008 14:59

Francesco Di Pietro: fumetti ad arte

[STREAP- TEASE: FUMETTI MESSI A NUDO]

diegociorraSignore e signori... il vincitore della sezione fumetti del MArteLive 2008! Quello che catalizzava l'attenzione del pubblico dell'Alpheus grazie alle illustrazioni che realizzava con la sua tavoletta grafica;

Pubblicato in Rubriche
[STREAP- TEASE: FUMETTI MESSI A NUDO]

diegociorraDi ritorno dal Comicon 08 di Napoli, dove ne ha approfittato per ritirare gli ennesimi riconoscimenti ufficiali della sua carriera, il premio Xl per il miglior fumetto del 2007 e il premio Comicon – Attilio Micheluzzi 2008 come miglior sceneggiatore, abbiamo intervistato Leo Ortolani, il più famoso geologo italiano nonché l’autore di Rat-Man, il fumetto italiano di maggior successo dai tempi di Dylan Dog!

Pubblicato in Rubriche
Sabato, 03 Maggio 2008 12:04

Luci ed ombre di un eroe in armatura

[STREAP- TEASE: FUMETTI MESSI A NUDO]

diegociorraHollywood è croce e delizia per tutti gli appassionati di fumetti, in particolar modo dei comics americani, il genere da cui gli studi cinematografici pescano a piene mani per affrontare la crisi di idee di successo. Hollywood permette ai fans di sognare, per lo più nei mesi precedenti all’uscita delle pellicole, quando si rincorrono rumors sulla trama e il cast e girano le prime foto, ma finisce per trasformare le speranze in cocenti delusioni quando critica e pubblico si accorgono dello scarto qualitativo tra la trasposizione su grande schermo e materiale di partenza.

Pubblicato in Rubriche
Martedì, 01 Aprile 2008 09:02

Dylan Dog: il principe dei seduttori

[STREAP-TEASE: FUMETTI MESSI A NUDO]

Di Corto Maltese si ricorda lo sguardo malinconico, profondo come il mare che fa da sfondo alle sue avventure. Un fascino che seduce, ma non un seduttore nel senso stretto del termine...Anche Diabolik fa colpo con i due occhi neri come la notte, o come il manto di una pantera, che sono l'unica parte del corpo che la tutina nera lascia visibili... ma nonostante ammali donne d'alta società per "lavoro" il suo cuore è devoto all'unica che ha saputo domarlo, Eva Kant.

Pubblicato in Rubriche
Mercoledì, 08 Aprile 2009 12:22

Per farla breve: Cortoons

diegociorra[STREAP-TEASE: FUMETTI MESSI A NUDO]

Uscendo dal Teatro Palladium di Roma a notte inoltrata, dopo essermi goduto le prime ore di proiezione dei corti d'animazione in concorso a Cortoons, in mente facevo considerazioni sugli aspetti positivi di una rassegna del genere, come il fatto che restando in sala tre ore avevo potuto scoprire decine e decine di artisti diversi, con stili distanti tra loro, ed appassionarmi seppur per una manciata di minuti ogni volta, a storie e personaggi sempre diversi.
Quando la mattina dopo sfogliando il giornale, ho più volte letto riferimenti a Twitter, l'ultima social-moda di internet, un microblog in cui si lanciano Ansa su se stessi di massimo 140 caratteri, la mente è di nuovo volata al Festival Internazionale di Cortometraggi d'Animazione a cui avevo partecipato: messaggi corti, animazioni corte. Non poteva essere una coincidenza.

Pubblicato in Rubriche
Pagina 7 di 7