Sabato, 16 Aprile 2011 11:26

Letti Sfatti & E. De Luca, Questa città

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

coverquestacittaUna Città sacrificata che in cambio di niente chiede solo di vivere, esistere, al di là del dolore, della sofferenza. I Letti Sfatti, rock band alternativa per i tipi delle Testepiene Editore ci raccontano Napoli con il supporto di Erri De Luca, dell’attore Patrizio Trampetti e le immagini di Sergio Siano.

Questa  città, libro con dvd nelle librerie dal 16 marzo scorso, è un progetto multimediale in cui la musica, le immagini e le parole si coniugano in una visione cruda, forse anche crudele, ma vera che ci risveglia alla memoria non solo le immagini dei più cruenti Tg, ma anche e soprattutto la poesia che è nascosta nell’anima di Napoli, una poesia tutta popolare che alimenta il cuore di chi Napoli la vive e la vede ancora a colori.
La forza della poesia e il vigore della musica, insieme, condiscono i racconti impreziositi dalle foto: foto d’epoca e foto attuali, dove montagne d’immondizia si mescolano con le navi americane della VI flotta, che a Napoli ci hanno svernato per più di quarant’anni; morti ammazzati per le strade e bambini che giocano nel bel mezzo di palazzi fatiscenti sul punto di cascare giù.

I racconti finiscono per essere storie di vita vera, vissuta ogni giorno che colpiscono per la semplicità della narrazione. Niente colpi narrativi ad effetto, la realtà di suo è più strana e più svariata di ogni immaginazione. Ce lo insegna con le sue parole Erri De Luca:
Una volta a Gerusalemme, un signore mi ha detto che quella città era così in comunicazione con il cielo che se facevano una chiamata telefonica non era un’interurbana: era una chiamata locale.
Ho pensato: Chi sa Napoli con quale aldilà può essere collegata da una chiamata locale. L’Inferno sarebbe solo un suo quartiere di periferia
. […] Allora Napoli, più che in contatto, è direttamente il Purgatorio, un laboratorio di penitenze nel quale le persone alla fine vengono smistate verso l’alto o verso il basso”.
Una città del Sud, del profondo e dimenticato da tutti sud, che è diventata oggi una sfumatura del Nord: “Ha le stesse difficoltà a sbarazzarsi dei rifiuti, gli stessi negozi di lusso, gli stessi immigrati del Nord. La stessa desolazione dei viaggiatori, di pellegrini che cercano di ricavare qualcosa qui da noi. […] Dunque, senza aver cambiato posto o asse geografico, quella città si è spostata: non appartiene più al Sud del mondo, ma è entrata nel ventre molle dell’Occidente”.
Parole e musica, parole e immagini, immagini che ritornano anche nel dvd allegato in cui tutto torna a ritmo di musica, un rock un po’ rap che dai Letti Sfatti si avvicina ad Erri De Luca, a Sergio Siano, a chi ascolta, a chi legge a chi guarda e basta: “Stasera c’è un mare di stelle su questo mare che sembra la pelle e all’ombra di mille canzoni c’è chi nasconde i piedi sporchi coi fiori”. Davvero un bel progetto: ampio ed arioso, semplice e diretto, proprio come Napoli…

Letti Sfatti- Erri De Luca, Questa città, Ed. Testepiene, pag. 111 + Dvd, € 14.90

Edyth Cristofaro

Letto 2858 volte