Lunedì, 14 Giugno 2010 10:24

Livorno rules!

Scritto da Salvatore Massaro
Vota questo articolo
(0 Voti)
[MUSICA]

bobo_rondelliROMA- Immaginate una serata  al Circolo degli Artisti, immaginate un vostro amico, uno di quelli che quando si sta insieme tra una battuta e l’altra ti improvvisa un pezzo voce e chitarra e voi lì a cantare insieme a lui… ecco Bobo Rondelli!

A questo aggiungi una band con gli attributi, una cornice favolosa quale e’ il Circolo e hai gli ingredienti per un mercoledì sera (9 giugno) fantastico, di quelli che ti fanno sentire già in vacanza!
Reduce da un 2009 che a buon diritto può esser definito “la stagione del ritorno”, con la pubblicazione del nuovo lavoro Per amor del cielo candidato tra i 5 finalisti della Targa Tenco 2009 come miglior album,e l’uscita di un film-documentario L’uomo che ha battuto la testa girato dall’amico Paolo Virzì e basato sulla sua vita, Bobo Rondelli e’ più carico che mai e si vede, ma soprattutto si sente.
Non è mai bello fare paragoni, nè scomodare quelli che per molti di noi sono dei santoni, ma la definizione di “piccolo Gaber” nel suo caso non  stonerebbe: tanti sono i legami con il Signor G, a partire da quel fare scanzonato, quell’atteggiamento informale che annulla del tutto le distanze tra palco e platea e quasi rende lo show una chiacchierata tra amici, sussurrata, cantata, recitata dove si interagisce con lui, si ride, si scherza, come se si fosse al bancone di un bar. Ed è proprio questa la sua forza, quell’anima popolare, semplice, quella sostanza di chi non se la tira, quell’energia tutta toscana e in particolare di una Livorno ora più che mai indomita e schierata.
La sua musica e la sua band (violino, tastiere, batteria, basso e chitarra) sono coerenti con tutto ciò: un po’ pop un po’ folk , molta poesia e con una struttura spesso ripetuta, che cresce dinamicamente e che rende i versi dei trampolini di lancio per chorus “aperti” liberi, belli da cantare allegramente in compagnia!
Nella scaletta non sono mancati brani più intimi e toccanti, momenti di pura poesia, subito dopo sdrammatizzati con grande ironia dal grande Bobo. Davvero un concertone!

Salvatore Massaro

Letto 1495 volte Ultima modifica il Lunedì, 14 Giugno 2010 21:35