Sabato, 14 Luglio 2012 22:47

Rassegna Comicità Femminile

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
[TEATRO]

musica e teatro alla casa internazionale delle donneROMA- In una metropoli dove l’arte è sempre stata il punto forte e la cultura non va mai in ferie, neanche d’estate con l’afa che ci tiene svegli di notte, così, l’Associazione Culturale Laboratori Permanenti ha pensato partecipare, con i suoi spettacoli, a una mini stagione teatrale estiva nel cortile della Casa Internazionale delle Donne a Trastevere, un posto meraviglioso, simbolo della lotta all’emancipazione sociale e culturale della Capitale.



Le Elefantesse


Le Elefantesse Foto Jacopo Quaranta 1A proposito di teatro, Rassegna Comicità Femminile è il titolo del ciclo di spettacoli iniziato lo scorso 22 giugno con Cosa ti cucino amore, mentre il 5 luglio Teatro Forsennato ha presentato Le Elefantesse, uno spettacolo di Dario Aggioli con Elisa Carucci, Carla Damen e Alessandra Della Guardia.
Le Elefantesse è la storia di tre donne molto diverse l’una dalle altre, le quali, attraverso una serie di monologhi abilmente impacchettati dal regista, raccontano le loro storie d’amore una sera d’estate assistita da una leggera brezza di ponentino che rinfresca il pubblico.
Judith, interpretata da una fantastica Alessandra Della Guardia, di cui vi abbiamo già parlato qualche articolo fa con Pulp ami di Dario Aggioli andato in scena nel corso della rassegna Parabole fra i Sanpietrini a Forte Fanfulla, è una donna dal marcato accento francese e con una particolare tendenza al fetish, bella e affascinante quanto basta per ottenere tutto ciò che vuole dal suo uomo, uno dei tanti finito nelle trame della sua deduzione.
La dolce Caterina è una segretaria amorevole, tutta vestita di rosa, come una principessa delle favole, che si innamora di un principe azzurro, uno dei clienti dello studio in cui lavora. Di lui adora le sue mani e per questo decide di sposarlo.
Alessandra è una casalinga di provincia, una donna tutta casa e chiesa, soprattutto chiesa, ma che per amore del suo uomo, un ingegnere sempre in viaggio, è disposta a cedere a tutte le armi non convenzionali della dottrina cattolica pur di restare incinta.

Fin qui sembra uno spettacolo sulle vicissitudini amorose, tutte e tre le donne lamentano l’assenza del proprio Le Elefantesse Foto Jacopo Quaranta 6uomo, i viaggi e le valigie sempre pronte vicino la porta. Tre donne che raccontano di tre storie simili, fin troppo: uomini poco presenti, partenze che odorano di bugie, stesse attitudini sessuali e un uovo vibratore di cui si sentono vittime. Nessuna presenza maschile sul palco, neanche l’ombra di uomo: solo tre fanciulle disperate in una storia che ha dell’incredibile.
Mentre lo spettacolo inizia ad infittirsi di dettagli e particolari piccanti e peccaminosi, il pubblico si diverte nell’ascoltare le vicissitudini delle protagoniste, tutte e tre molto abili nel mescolare le loro storie, nel condividere lo spazio e il tempo necessario per smascherare l’uomo che le ha ingannate. Così, armate di solidarietà e di rivincita uniscono le loro forze per sconfiggere il male che le ha occultate, quell’insospettabile bugia in carne ed ossa che ora giace a terra con il suo uovo rosa vibrante nello stomaco.
Un finale a sorpresa per uno spettacolo divertente, condito da un’ottima recitazione e dialoghi esilaranti.
Continueremo a parlarvi di questa rassegna, voi non fatevi trovare impreparati!

Eva Di Tullio

Foto di Jacopo Quaranta




Torta al cioccolato


torta al cioccolato patrizia chiatti 12Torta al cioccolato è il titolo dello spettacolo andato in scena alla Casa Internazionale delle Donne lo scorso 12 luglio nell’ambito della Rassegna Comicità Femminile e anche noi c’eravamo per raccontarvi come è andata. Mettetevi comodi.
Con la regia di Carlina Torta, scritto da Carlina Torta e Linda Brunetta e interpretato dalla stessa Carlina Torta e affiancata da Aldo Gentileschi, Torta al cioccolato è uno spettacolo esilarante sulla vita di una donna, anzi di tante donne, interpretate fantasticamente dall’attrice milanese, la quale si rivolge al pubblico in modo molo naturale, forte della sua lunga esperienza teatrale che l’ha vista a fianco di grandi attori italiani come Anna Galiena, Nanni Moretti e Carlo Verdone, tanto per citare qualche nome.
La Torta porta così sul palco la storia di una donna con tanti personaggi femminili dentro, una sorta di torta al cioccolato come quella che si è messa in testa di preparare, un bilbolbul che viene accompagnato dalle note di un pianista impertinente, Aldo Gentileschi, il quale le ricorda esattamente tutti gli ingredienti necessari per la buona riuscita della torta.

Sempre al fianco dei personaggi che prendono vita dai racconti dell’attrice e le loro emozioni, la impacciata Betta, la tortaalcioccolato emanuelascola 012scoppiettante Evelina e poi zia Ermelinda, nonna Alfonsa, Luisella, Nora, Adele e persino la maestra d’asilo, lui, il pianista destreggia tra Chopin e Schubert a seconda della situazione e rende lo spettacolo ancora più attraente e anche più divertente al pubblico che ascolta le storie ad incastro dei personaggi femminili narrati sul palco. Proprio come gli ingredienti della torta che si mescolano, così si racconta al pubblico le vicende di donne, madri, mogli e amanti che vivono le loro avventure amorose con un leggero velo di frustrazione, si cercano e si confrontano, la fragilità dell’una si contrappone alla forza dell’altra; il pubblico un po’ riflette e un po’ si diverte ad osservare ed ascoltare queste donne che fanno i conti con la vita quotidiana, la quale riserva sorprese e piccoli lamenti, come piccoli intoppi che possono variare la ricetta originale di un dolce, di questa torta al cioccolato che cuoce ora nel forno e di cui non si conosce l’esito.
La bella interpretazione di Carlina Torta unita a quella di Aldo Gentileschi, alle sue note sempre azzeccate in ogni contesto, sono la perfetta fusione, gli ingrediente giusti per la realizzazione di una torta buonissima, proprio come quella che alla fine dello spettacolo offrono al pubblico. Dunque una gioia anche per il palato.

Eva Di Tullio


Letto 3396 volte Ultima modifica il Lunedì, 16 Luglio 2012 13:55