Martedì, 24 Aprile 2012 13:55

Accomodati - Welcome Eve

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
[ARTI VISIVE]

baulettoROMA- Quante volte vi sarà capitato di vedere la vecchia sedia della nonna in un angolo e desiderare di gettarla nel primo cassonetto subito fuori il portone di casa?



Oppure quei mobiletti anni ’60 che tanto stonano nel loft high tech o con l’Ikea style che standardizza gli appartamenti di giovani e meno giovani. Ma lì restano, per i più romantici e magari per coloro che conservano - nonostante l’estetica non aiuti sempre – un piccolo tassello familiare, un amore o una separazione. E sì, basta poco per reimmergersi proustianamente nel tempo che fu, ma se vi proponessero di trasformarlo in un pezzo originale di design cosa ne pensereste? Questa è l’idea di Re made, il brand con cui la creativa Giorgiana Velluti ha messo mano a oggetti ormai obsoleti e usurati per conferirgli “nuova vita”. La tecnica utilizzata è quella del decoupage classico, ma la differenza è tutta nell'intenzione che c'è dentro l'oggetto. Dalle parole di Giorgina sedia 1scopriamo come “la decorazione che prende corpo da un'idea artistica ha un messaggio preciso che va scoperto nell'accostamento solo apparentemente casuale di particolari invece pensati e ritrovati. Tutto nasce dall'idea di Restituire a un oggetto comune - fino a diventare banale - la valenza di un significato appartenuto al tempo e alla storia di altri oggetti persi nel tempo, come i ritagli di giornali e riviste.” Fra tutte la sedia sembra essere l’oggetto maggiormente al centro del flusso creativo dell’artista.

E in occasione di Accomodati – Welcome Eve, l’aperitive party che ha avuto luogo il 14 aprile presso lo spazio espositivo M & B Design (via Gregorio VII, 33), è stato possibile vedere e acquistare la propria sedia o richiederne una personalizzata. Grazie anche al suggestivo allestimento di Davide Provelli è stata esaltata la continuità fra le variopinte creazioni e le pagine di giornale e riviste patinate da cui i “preziosi” oggetti trovano nuova espressività e capacità seduttiva. Un’eco idea davvero imperdibile per gli appassionati del vintage e per tutti i patiti della cultura pop. Un patchwork creativo che dà valore alla caducità della carta stampata e che potrebbe – perché no! – vedere immortalate sulla propria spalliera per sempre icone come Dylan Dog, Madonna o Carol Alt. Incuriositi? Date uno sguardo anche voi su www.giorgianavelluti.com.


Angelo Passero


Letto 2212 volte
Altro in questa categoria: « Uovo Missing Millo »