Visualizza articoli per tag: danza

Lunedì, 27 Giugno 2011 19:05

Flamenco: una passione mediterranea

ROMA- Un quasi sconosciuto poeta israeliano vissuto nella prima metà del nostro secolo disse che “l’emozione che procura una forma d’arte, che essa sia danza, musica o pittura è la perfetta dimostrazione di come il destino voglia portare felicità ed estatica beatitudine nelle vite degli uomini”. Vivere un’emozione può rendere diversi, ma raccontarla può voler dire intraprendere un viaggio oscuro, pericoloso, ma al tempo stesso affascinante e descrivere a parole l’emozione procurata da 90 minuti di flamenco è ancora più arduo.

Pubblicato in Report live Concerti
Venerdì, 03 Giugno 2011 08:46

DANZA_ Agli sgoccioli, per ora…

IMGP1377Diana esaudì il desiderio della ninfa Aretusa e per salvarla dalle mire di Alfeo, la trasformò in una sorgente portandola in Sicilia, a Siracusa, nell’isola di Ortigia. Alfeo nel frattempo la cercò ovunque e il desiderio carnale stava lasciando posto all’amore e gli dei spinti dalla compassione, con Giove stesso in testa, gli permisero si raggiungere la sua amata, ma ad un patto: che Alfeo scavasse un sotterraneo dal Peloponneso fin nel porto di Siracusa attraverso il mare Ionio.

Pubblicato in Sezioni Artistiche
Lunedì, 30 Maggio 2011 19:29

Due facce per un accordo perfetto

[DANZA]

IMGP9517_copiaROMA- La signorina Else è altera e timida, la signorina Else è sicura e tremante, è matura e adolescente, è romantica e cinica, spavalda e disillusa. La signorina Else è ogni donna, è la doppia faccia della femminilità, della ragazzina che ha voglia di diventare grande, con le sue ansie e le sue angosce, con i suoi monologhi interiori e le sue paure, è tutto e il contrario di tutto.

Pubblicato in Notizie
Giovedì, 26 Maggio 2011 11:51

MODA & RICICLO_ A passo di danza

24-05_moda_Rubia__Rossella_Saurio_img7Rossella Rubia è la prima stilista all’opera nella quarta serata del MArteLive. Dalla sala Momotombo a luci soffuse e con quattro modelle-ballerine ha inizio la sua performance.

Pubblicato in Sezioni Artistiche
Giovedì, 26 Maggio 2011 11:40

DANZA_ Fine e sempre nuovi inizi

varie5Di fronte alla ninfa Aretusa, i vortici d’acqua da informe liquido presero forma umana nel corpo di Alfeo, che preso da tanto amore iniziò a guardarla con occhi languidi da innamorato. Aretusa, spaventata, corse fuori dall’acqua scappando e lasciando le vesti fra i rami del salice mentre Alfeo quasi la raggiunse. La ninfa allora pregò la dea Diana affinché la salvasse portandola lontano, preservando così la sua purezza.


Pubblicato in Sezioni Artistiche
Giovedì, 19 Maggio 2011 21:32

DANZA_ Da Occidente ad Oriente

IMGP8780La giornata era afosa e le acque del fiume così limpide e fresche che Aretusa si tolse le vesti adagiandole su un tronco di salice piangente e si immerse con grazia nel fiume Alfeo. Ma l’acqua intorno a lei iniziò a formare dei piccoli vortici che sembravano danzare, come se l’acqua volesse accarezzarla…

Pubblicato in Sezioni Artistiche

Edoardo.Ferrini-Danza_Em_1_spetfoto_03Si dice che Aretusa, figlia di Nereo e Doride, fosse una ninfa di straordinaria bellezza. Al seguito di Diana, mentre inseguiva caprioli e daini, si allontanò dalle sue compagne in cerca di frescura per immergersi nelle acque del fiume Alfeo…

Pubblicato in Sezioni Artistiche
Venerdì, 06 Maggio 2011 09:34

DANZA_ Desiderio di mettersi in gioco

laura.fioravanti-primodanza_5Alfeo nella mitologia greca è il figlio del dio Oceano che venne trasformato in  fiume da Zeus per potersi unire con Aretusa, la ninfa tanto amata.

Pubblicato in Sezioni Artistiche
Sabato, 09 Aprile 2011 20:39

Koroibos: emozioni in scena

ROMA- Una vera tragedia in puro stile greco antico, ma rivisitato e corretto alle negazione dell’essere dei giorni nostri, Koroibos, lo spettacolo della Compagnia Whycompany, scritto da Gennaro Francione, andato in scena lo scorso 2 e 3 aprile presso l’Auditorium Paolo Stefanelli di Roma.

Pubblicato in Report live Concerti

Toccare terra a Siviglia è emozionante. Siviglia è la terra del sole, delle arance in ogni angolo delle strade, del mausoleo di Cristofaro Colombo, della Plaza de Toros, della Cattedrale gotica più estesa del mondo (23.500 metri quadrati), della Giralda (torre campanaria dell’altezza di 96 metri), del cibo buono, dell’alcool che scorre a fiumi (sangria e mojito sono cose da non perdere) e della musica tradizionale, il Flamenco, uno dei prodotti culturali più notevoli e famosi di tutta la Spagna.

Pubblicato in Editoriali
Pagina 4 di 8