Venerdì, 15 Gennaio 2016 13:02

Prototypology: arte e creatività alla Gagosian Gallery

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Rudolf Stingel, Untitled (Instructions), 1990 Rudolf Stingel, Untitled (Instructions), 1990

Dal dialogo dell’artista con la tela e le sculture all’immagine dei materiali utilizzati nella fase di realizzazione delle opere. E’ la mostra ‘Prototypology – An Index of Process and Mutation’, inaugurata al Gagosian Gallery, a Roma, giovedi 14 gennaio e che sarà visibile al pubblico fino a sabato 5 marzo.

Nuovi lavori, ma anche opere che hanno caratterizzato la storia professionale ed artistica di 30 artisti contemporanei, italiani ed internazionali.

Una mostra che svela la ricerca effettuata dagli artisti nello scegliere gli scenari e le metodologie di lavorazione all’interno dello studio di lavorazione. Un luogo sacro che viene reso pubblico attraverso la visione dei materiali d’archivi, dei primi disegni e dei momenti di creatività degli autori.

Tra i protagonisti della rassegna Rachel Whiteread, l’artista inglese che può vantare l’esposizione dei suoi lavori al MoMA di New York e al Tate Modern di Londra. Ma anche Robert Therrien, celebre scultore americano in grado di trasformare oggetti di uso comune della vita quotidiana in opere d’arte.

Come non citare, poi, il piu’ influente rappresentante della cultura giapponese contemporanea nel mondo – secondo il Times - Takashi Murami. Un’investitura che il quotidiano diede all’artista nel 2008 per la capacità dello scultore di rappresentare nelle sue opere la cultura e le iconografie del Giappone.

Non poteva di certo mancare l’Italia in questa esposizione. A rappresentare il Bel paese c’è Arcangelo Sassolino, che da sempre ha incentrato il suo lavoro nella modifica della materia in modo da creare nuove forme. Da Tokyo a Parigi, da Roma a Zurigo, le opere dell’artista vicentino sono state presentate nei piu’ importanti musei di arte contemporanea del mondo.

www.gagosian.com

Letto 2870 volte