Lunedì, 23 Aprile 2012 11:10

Missiva_ Niente Addosso

Scritto da
Vota questo articolo
(14 Voti)
missiva niente addossoI Missiva sono una rockband di cui non sappiamo moltissimo. Ciò che la rete consente di scoprire sul loro conto è quanto segue: Salentini, attivi dal 1997, alle spalle credenziali già di tutto rispetto nell’ordine di un’attività live intensa quanto il copione richiede e di un esordio discografico con il già valido Sospeso del 2008.



Le notizie più recenti, invece, sono due. La prima è che nel 2011 ai ragazzi capita una fortuna di quelle che se vuoi bene al rock di casa nostra auguri a chiunque ne intraprenda la strada: avviare una collaborazione con un mentore del calibro di Amerigo Verardi (sì, proprio lui), chiamato a prestare la propria importante garanzia di qualità alla produzione del prossimo disco.
E la seconda notizia è appunto il frutto di quest’alleanza: si chiama Niente Addosso, esce tramite Orquestra Records e contiene circa quaranta minuti di rock assolutamente contemporaneo, consolante e vivaddio sturaorecchie.

Niente Addosso, forse, ma dentro c’è tutto: ci sono i pregi di una formula sonora del tutto disinteressata ad appoggiarsi su modelli diversi dalla propria urgenza se non quel tanto che basta a farsi capire (uno tra i migliori complimenti che rivolgiamo ai ragazzi è contenuto già di per sé nel nostro non aver trovato quasi nessun riferimento che ci sembrasse abbastanza prossimo da rendergli giustizia), e quelli di una scrittura che fa sì che per riuscire in questa sintonizzazione a presa rapida bastino perlopiù pochi secondi.

C’è una tracklist che inanella riuscitissime prove tecniche di anthem in continuo crescendo qualitativo, tra elettronica sapida e puntuta e autentiche valanghe di ritmo e sudore (esempi? Il singolo “L’Alternativa”, la dinamitarda title track e le ancor migliori “Digiuno” e “An-estetico”, davvero salvifiche.
Ci sono liriche che tra sarcasmo metallico e rabbia amara dimostrano (meglio: ricordano) una cosa fondamentale: che il vero e il bello sgorgano sempre più dal vissuto (quello alienato di “In Faccia” ma anche, all’occorrenza, quello squallido in cui si è costretti nell’ottima “72100 – Questa Città”) che non dall’artificiosità da poser dello stile di troppa gente che continua a intasarci le orecchie con i propri modaiolismi stantii e invariabilmente finti.
E ci sono difetti portati con la dignità di rughe di lavoro, che rintracci nel peccato veniale di un focus tutto centrato sull’assalto ritmico continuo e troppo poco su ballate non altrettanto efficaci, su cui probabilmente non si è creduto abbastanza malgrado ottime idee di partenza: è infatti la conclusiva “Oltre” a riscattare le incertezze della “collega di reparto” “Voragine”, indicando un punto su cui continuare a lavorare con la stessa convinzione con cui si è lavorato sul resto.
Quella che ci ha regalato un grande disco e, ad oggi, una signora rockband.

I Missiva:
Paolo Marsella: voce
Simone De Blasi: chitarra
Giuseppe Scalone: mac, chitarra, voce
Valerio Vantaggiato: basso
Fabio Cazzetta: batteria

TRACKLIST:
01. Ign(i)orante
02. L’alternativa
03. Bugia
04. Niente addosso
05. E’ solo notte
06. Il disegno
07. Interlucido
08. Voragine
09. In faccia
10. 72100 – Questa città
11. An-estetico
12. Digiuno
13. Oltre

Francesco Chini


Letto 2139 volte