Stampa questa pagina
Giovedì, 22 Settembre 2011 09:24

Modena City Ramblers_ Sul tetto del mondo

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

11213_cover_sul_tetto__1_mFesteggiano il loro ventennale con il dodicesimo album della loro carriera i Modena City Ramblers. Uscito per la Mescal lo scorso marzo, Sul Tetto del Mondo, celebra la band che da ormai venti anni fa ballare col suo ritmo folk, giovani e meno giovani.

Conosciuti per il loro impegno politico e sociale, immancabili partecipanti del concerto del Primo Maggio, e attivi sostenitori di Emergency, Amnesty International e molte altre Onlus impegnate nel territorio italiano, ritornano dopo due anni nel panorama discografico.
La formazione, dopo innumerevoli vicissitudini e abbandoni anche tragici, vede il ritorno di uno dei membri fondatori del gruppo, Luciano Gaetani, al banjo e al bouzouki.
Le tredici canzoni tutte scritte, arrangiate e prodotte dai Modena City Ramblers, non deludono i fan, e parlano in chiaro stile MCR dei temi più scottanti e critici del nostro tempo. Ce n’è per tutti i gusti, dalla crisi economica del nostro paese “I Giorni della Crisi”, ai prestiti e ai mutui triplicati in questo momento di imbarazzante povertà per milioni di famiglie “Interessi Zero”.
Ce n’è anche per la crisi della cultura, e il conseguente abbrutimento degli individui, “Povero Diavolo”, ma c’è anche un “AltrItalia” che crede ancora nella giustizia e nel volontariato e poi tanta nostalgia e voglia di fuggire in un paese più onesto e giusto come in “ Seduti sul tetto del mondo” , “ Què Viva Tortuga” e “Camminare”.

Tutti temi già più volte affrontati dai Modena City Ramblers, detti con lo stesso linguaggio folk-rock, dal sapore irlandese che avevano vent’anni fa. Un disco che non aggiunge molto né alla discografia del gruppo, né tantomeno a quella del paese. 
Un disco che non ha la stessa forza dei precedenti, che dice cose sicuramente importanti e lo fa in maniera spudorata, a viso aperto come sempre, ma con meno intensità.
Ma una nostalgica come me non può dimenticare i momenti della giovinezza passati a saltare e a cantare sulla loro musica, e quindi posso solo aggiungere che grazie ai tempi che furono, i Modena City Ramblers rimarranno comunque e sempre un gruppo importante. Sicuramente come me un tempo, tanti ragazzi oggi ballano e saltano sulla loro musica, con negli occhi e nel cuore la speranza che veramente qualcosa possa cambiare.

TRACKLIST:
AltrItalia
I giorni della crisi
Interessi zero
Seduto sul tetto del mondo
Dieci volte
S'ciop e picòun
Povero diavolo
Tra nuvole e terra
Que viva Tortuga!
La mosca nel bicchiere
Camminare
Il posto dell'airone
Specchio dei miei sogni

Valeria Loprieno

Letto 1861 volte
Valeria Loprieno

Ultimi da Valeria Loprieno

Articoli correlati (da tag)