Visualizza articoli per tag: marco Settembre

[IL_7 SU…]
il7Max Trani, laureatosi in filosofia per dare dei problemi all’anima e farla riflettere oltre la soglia delle comode convenienze, ad un certo punto ha sentito più urgente del solito la chiamata verso la carriera musicale ed ha preso la pillola rossa di Matrix, quella che consente, a costo di qualche sofferenza, di avere la consapevolezza di scegliere.

Pubblicato in Rubriche
Domenica, 20 Giugno 2010 21:15

wAnderland – Non tanto tenere figurine

[ARTI VISIVE]

Inaugurazione_IMG_9493ROMA- La mostra wAnderland alla Galleria Mondo Pop di via dei Greci 30, presso Piazza di Spagna, Roma, a cura di Serena Melandri, 4 giugno – 31 luglio, è una doppia personale che parte dall’assonanza dei due verbi wonder e wander per suggerire che il mondo infantile ed il suo immaginario, a cui siamo abituati a pensare con meraviglia e stupore come ad un dominio dei miracoli in cui l’occhio e la mente sono capaci di portenti non facilmente replicabili nell’età adulta, è, invece, o insieme a ciò, un regno dell’incertezza, del disorientamento, e questo fin da subito.

Pubblicato in Notizie
[IL_7 SU…]

il7Gli Astrid Hotel iniziano con un drumming interessante, volutamente macchinoso, il brano “75 cl d’aria” portando avanti poi con un’incalzante chitarra ritmica, con distorsioni e organo polveroso, la descrizione di una sinistra monotonia.

Pubblicato in Rubriche
Lunedì, 24 Maggio 2010 06:55

Il PesaroPhotoFestival

[ARTI VISIVE]

PhFest_copertina-Ph_Rossano_Ronci_1PESARO- Il PesaroPhotoFestival, giunto alla terza edizione, è una realtà ancora in espansione se si considera che, come ha dichiarato giustamente orgoglioso il suo ideatore Marco Sénsoli, il loro sito ha contato ottantamila contatti nel solo mese di Aprile, e la manifestazione è passata dai trentacinque iscritti della prima edizione ai sessanta di questa che si è da poco conclusa.

Pubblicato in Notizie
Lunedì, 17 Maggio 2010 18:02

La trance, la triglia, gli aguzzini, le mutande

[IL_7 SU]

il7Raffaella Daino, fondatrice e fulcro del progetto Pivirama, con cui ha pubblicato i CD “Cosa sembra” e “In my mind”, ha un nuovo disco in lavorazione, intestato a lei come solista, tanto per consolidare l’aura rock del suo personaggio venutasi ad infittire strada facendo grazie ai suoi talenti di songwriter, cantante e chitarrista.

Pubblicato in Rubriche

Francesca De Martinis lavora con l’ombra azzurrognola di profondità insondabili ricreate, negli sfondi, con velature spugnate su pannelli di legno, e ne cava fuori figure luminose, misteriose ma-nifestazioni di soggetti graffiati che vengono alla luce come fantasmi di pose fotografiche mosse, ottenute – sembrerebbe – andando a caccia di poltergeist.

Pubblicato in Sezioni Artistiche
Giovedì, 20 Maggio 2010 09:00

PITTURA IV_ Dalle galline alle alici marinate!

fabio.ventrone-pittura-IMG_3999Luca Grimaldi dipinge su tela ma anche su pannelli di legno, e lo fa con una tecnica classica da Scuola Romana, nel rispetto della verosimiglianza e dando l’impressione di tridimensionalità e presenza visiva e di spirito sia alle signore anziane sia ai piccioni.

Pubblicato in Sezioni Artistiche
Mercoledì, 10 Febbraio 2010 18:14

Le maniglie, l’ape, l’amplificatore a forbice

[IL_7 SU…]

il7Senza Essenza non sono così come sono senza un perchè, e non lo sono per essere elusivi o perchè non hanno nerbo; al contrario, si sentono privi di quel qualcosa che dovrebbe essere il nocciolo d’un frutto ma che invece è sfuggente come una monade filosofica.

Pubblicato in Rubriche
[IL_7 SU…]

il7Popmatica (www.myspace.com/popmatica), non devo dirlo io, ma sono ad un livello in cui possono anche “fare tutto, farlo male” (“Meglio sbagliare”) perché una volta accorciati tutti i loro incisi in modo da non farli arrivare ai quaranta secondi, hanno ottenuto che tali incisi crunchati arrivassero al cervello e al cuore entro i primi due.

Pubblicato in Rubriche
Domenica, 27 Dicembre 2009 11:56

Sonaglini, alghe secche, diagrammi e funghi

[IL_7 SU…]

il7Che giudizio scomposto e lunatico si può dare de La carovana di Wazoo? E’ forse una guida scanzonata alla psichedelia d’annata per giovani utenti della giornata? Forse, e dall’esterno appare soprattutto come un carrozzone affascinante di sperimentazioni emotive e pasticci di coguaro, questo sì, però tecnicamente la sento non come un white russian alla camomilla, ovvero non del tutto terapeutica (come dicono loro).

Pubblicato in Rubriche
Pagina 4 di 6