In scena allo spazio Factory - La Pelanda di Roma una mostra sul disarmo nucleare a Roma.

Dal 6 marzo al 26 aprile 2015 Roma risponde al desiderio di pace che unisce tutti gli esseri umani

Avere paura della bomba atomica sembra cosa superata, anche se nel mondo ancora oggi sono custodite testate nucleari sempre più potenti e in numero tale da poter cancellare ogni forma di vita in pochi attimi. La loro stima per difetto arriva a oltre 16 mila, e se ne continuano a fabbricare. Sono dislocate anche sul nostro territorio nazionale, e potrebbero essere innescate per una procedura automatica sfuggita di mano, per una valutazione politica irresponsabile, in seguito a un attacco terroristico. Con conseguenze irreparabili per la vita sul pianeta.

Giovedì, 05 Marzo 2015 23:22

Tor Bella Monaca

Scritto da

I teatri di cintura di Roma stanno ridefinendo la geografia di una città metropolitana in via di espansione.

Il teatro di Tor Bella Monaca – affidato tramite un bando a varie associazioni, tra le quali Teatro Potlach, 7cults, Artenova e altre – funge da fucina culturale insieme anche alla biblioteca del quartiere. In una realtà volta sempre di più alla velocità ed al ritmo produttivo frenetico delle idee date dai social network e dalla fiction, il teatro frena gli impulsi, spinge alla presenza viva e allo stare insieme davvero.

Il teatro Tor Bella Monaca, che sotto la direzione artistica di Alessandro Benvenuti sta operando in un territorio di confine, registra un alto numero di presenze. Tanto che a capodanno 2015 la compagnia Lost in Traslazione Circus, diretta da Massimiliano Rossetti e Annabel Carberry, fa soldout con uno spettacolo internazionale di teatro circo.

La dimensione di Teatro Tor Bella Monaca è senza alcun dubbio la messa in pratica di quello che dice Coupeau: “il teatro nasce dove ci sono dei problemi”. In delle stagioni che alternano grandi comici e attori di prestigio a giovani compagnie, il Teatro Tor Bella Monaca si sta imponendo sul territorio come fatto sociale.

Ma può davvero il teatro riparare il mondo? Chiedetelo a Laura Curino, che alla casa dei teatri ha condotto un laboratorio proprio su questo tema.

Ma è proprio qui che mi manca un paragone, allora mi ripeto: “può un teatro di periferia riparare il mondo?”.

Eduardo Ricciardelli 

Giovedì, 05 Marzo 2015 23:15

"Venice Beach", la scommessa di Salmo

Scritto da

"Abbiamo fatto volare Salmo ai Red Bull Studios di Los Angeles e gli abbiamo dato 24 ore di tempo per produrre, scrivere e registrare un pezzo insieme al relativo video" – Red Bull

Un giorno solare di tempo, quasi 10.000 km da percorrere e un’impresa quasi disperata come obiettivo: realizzare integralmente un brano con il relativo videoclip.

Giovedì, 05 Marzo 2015 23:09

Stoner Witch

Scritto da

La rubrica “Stoner Witch” si propone di portare alla luce storia, volti, album e live delle migliori band del panorama indipendente internazionale contemporaneo, con riferimenti a etichette discografiche e relative band ispiratrici che hanno segnato nella “generazione dei padri” la storia della musica indie.

Giovedì, 05 Marzo 2015 22:51

I vincitori del premio ARTE LAGUNA

Scritto da

IL 9° PREMIO ARTE LAGUNA ANNUNCIA I VINCITORI DELLA CATEGORIA BUSINESS FOR ART

A Venezia le aziende premiano l'arte con 15mila euro e la proclamazione ufficiale durante l'inaugurazione della mostra il 21 marzo all'Arsenale.

Il Premio Arte Laguna ha il piacere di annunciare i nomi dei tre vincitori per la categoria Business for Art, i premi speciali creati in collaborazione con tre eccellenze del Made in Italy che operano nei campi del vino, design e moda.

Per il marchio Pas de Rouge dell'azienda Gritti vince l'idea di Loop, studio con sede a Bologna che si occupa di creazioni multimediali e che, per esaltare il “Soft appeal” dell'azienda, ha pensato a Besides un'installazione multimediale applicabile alle pareti o vetrine dei negozi.

Si tratta di un progetto composto da specchi, sensori di movimento, schermi LED, comandati da un mini pc nascosto, in cui l'interazione con lo spettatore, o in questo caso con i clienti dei negozi, risulta essere una caratteristica fondamentale dell'installazione. Con Besides lo spettatore si riflette sullo specchio apparentemente normale, sulla cui superficie volano di tanto in tanto elementi soffici e leggeri come piume, petali o nastri e un foro con la scritta “Soffia qui” invita lo spettatore all'interazione. È con il soffio che si aziona l'opera e si innesca una comunicazione originale dei prodotti a marchio Pas de Rouge.

Lo studio Loop vince 10mila euro con i quali potrà trasformare il proprio progetto da idea a realtà, un prodotto che verrà poi utilizzata da Gritti per le vetrine dei propri negozi.

Il progetto vincente per Maurizio Riva, titolare di Riva 1920, la storica azienda di mobili con sede a Cantù è quello degli architetti Michele Arcarese e Pierre Busnelli, che con il loro Studio hanno ideato Bri.Pop, una consolle per riordinare i piccoli oggetti della quotidianità. Gli architetti di Roma hanno conferito una nuova vita al legno di briccola, da quella acquatica a quella domestica, esaltando la matericità del legno lagunare: la rugosità della corteccia ed i mille solchi scavati dai molluschi creando un oggetto ironico e pieno di storie da raccontare.

L’azienda agricola La Tordera di Valdobbiadene, sceglie invece l'opera di Daniele Misani per la creazione di una nuova etichetta per una linea di vini a tiratura limitata. L'acquerello su carta intitolato “Le coordinate spaziali”, esprime al meglio la visione artistica e sensoriale del tema "naturale equilibrio - nutrire il pianeta" che si coniuga perfettamente con la parola chiave dell'azienda: Natural Balance, ovvero la ricerca di un’agricoltura sostenibile dal punto di vista ambientale, economico e sociale, dando vita alla produzione di un prosecco pulito, sano e facile da bere.

L'artista si aggiudica un premio di cinquemila euro, vedrà la sua opera riprodotta sui migliori vini della Tordera e sarà protagonista in importanti eventi durante l'Expo 2015.

Un connubio quello tra arte e impresa che il Premio Arte Laguna ha consolidato negli anni e che il mondo del business ha accolto con entusiasmo vedendo l'infinito potenziale creativo che risiede negli artisti, architetti, designer.

Per la nona edizione del premio il filo conduttore per le tre aziende protagoniste della sezione Business for Art è stata l'artigianalità espressa in tre campi diversi, ma che in ogni caso esalta la forza del Made in Italy.

I vincitori verranno proclamati ufficialmente durante l'apertura della mostra sabato 21 marzo alle ore 18 all'interno delle Nappe dell'Arsenale di Venezia, contestualmente avverrà la cerimonia di premiazione dei 6 vincitori assoluti, che si aggiudicano ciascuno un premio da 7mila euro e dei vincitori di tutte le collaborazioni internazionali con fondazioni, gallerie, spazi espositivi.

In mostra fino al 5 aprile nella sede dell'Arsenale le opere dei 115 artisti finalisti, provenienti da tutto il mondo, per le sezioni di pittura, scultura e installazione, arte fotografica, video arte, performance e land art, la nuova categoria creata in collaborazione con l’azienda Thetis; mentre presso il Future Centre di Telecom Italia saranno visibili al grande pubblico le 5 opere di arte virtuale e digitale, 5 modi di esprimere l’arte attraverso le nuove tecnologie: computer, tablet, applicazioni e installazioni.

L'entrata è gratuita per entrambe le mostre e l'inaugurazione.

www.premioartelaguna.it    #artelagunaprize   #premioartelaguna

Lunedì, 06 Gennaio 2014 01:07

Autori

Scritto da

Inserire qui gli autori

Giovedì, 02 Agosto 2012 18:16

Buon compleanno Brian Blade

Scritto da

[MUSICA]

IMG 1198ROMA- Ha scelto Roma e la Casa del Jazz per festeggiare il suo 42esimo compleanno uno dei batteristi più quotati del jazz moderno. Membro fisso e indispensabile da più di dieci anni del quartetto più rinomato del mondo del jazz, il quartetto del mostro sacro Wayne Shorter, nonché sideman di lusso di tutti gli album di Joshua Redman.

Giovedì, 02 Agosto 2012 17:54

Groove Funk e Swing Jazz: Roy Hargrove Quintet

Scritto da

[MUSICA]

IMG 0047ROMA- Ancora un concerto degno di nota alla Casa del Jazz. Ancora un gruppo di americani. Ancora dei grandissimi musicisti sul palco del Festival. Questa volta parliamo di un trombettista, considerato nell’ambiente uno dei più autorevoli trombettisti jazz al mondo.

Giovedì, 02 Agosto 2012 17:48

Goldberg & Klein: sprazzi di luce

Scritto da

[MUSICA]

IMG 9013ROMA- La Casa del Jazz Festival apre le porte di nuovo al grande jazz americano. Lo scorso 17 Luglio, all’interno della cornice meravigliosa del parco di Villa Osio, ha occupato il palco una formazione statunitense con un prezioso collaboratore sudamericano.

[TEATRO]

Ugo-Pagliai 2ROMA- Stessa storia, stesso posto, stesso Globe. Anzi, mea culpa: è tutto decisamente migliorato. Rispetto a quando misi piede per la prima volta nel bellissimo teatro in Villa Borghese a Roma (parlo appena di due anni fa, ma tal pensiero altisonante mi piaceva troppo), tantissimi i passi in avanti fatti.
Pagina 6 di 167