Martedì, 05 Giugno 2012 08:06

La palestra: ore 18.00

Scritto da
[TEATRO]
palestra crucianiROMA- Teatro India, un luogo magico che è capace di rilassare gli animi di chiunque prima di assistere ad un lavoro teatrale. Con i classici dieci minuti di attesa nel cortile, lo spettatore è  pronto a vedere ed accogliere tutto ciò che si può trasmettere da un palcoscenico.

Martedì, 05 Giugno 2012 08:03

Dove sei

Scritto da
[TEATRO]
 MG 0068ROMA- Dove sei? Una domanda apparentemente semplice intorno alla quale costruire una storia. Dove sei? Se lo chiede Giancarlo Moretti, generoso autore già alle prese con Pirandello, Ibsen, Schnitzler e Pinter.

[TEATRO]
crisis shakeROMA- Un frullato sulla crisi ad alta digeribilità, e che non rimane per niente sullo stomaco, quello shakerato da Double Eventi al Teatro allo Scalo di San Lorenzo. Sono due gli spettacoli di satira politica: Cronaca di una crisi annunciata di e con Tiziano Turci, e Balena Kebab… di Damiano Torre. Due formule diverse che c’entrano l’obiettivo e che sensibilizzano le giovani generazioni a quello che realmente sta accadendo negli ultimi anni in Italia, e non solo.

Martedì, 05 Giugno 2012 07:56

Alé Calais

Scritto da
[TEATRO]
alecalaisROMA- “Alé Calais” è la gioia dei tifosi, è la storia di una squadra di calcio di una piccola città della Francia, ma prima ancora è il racconto di come una passione possa risvegliare gli animi, la voglia di condividere quelle emozioni che il vento gelido di Calais sembrava aver spazzato via.

Martedì, 05 Giugno 2012 07:52

A chi baciamo le mani?

Scritto da
[TEATRO]
baciamolemaniROMA- Raccontare la mafia nelle sue piccole e grandi manifestazioni. Non solo la mafia delle grandi imprese, degli affari, della politica, ma la mafia quotidiana che permea nel profondo il nostro Paese.

Martedì, 05 Giugno 2012 07:42

Affini come l’acqua e il vino

Scritto da
[TEATRO]
1ROMA- “Precisamente,” rispose il capitano, Quelle sostanze che, incontrandosi, subito si compenetrano e si influenzano reciprocamente, le chiamiamo affini.” “Mi permetta di confessare,” fece Carlotta, “che quando lei chiama affini queste singolari sostanze, a me esse non tanto paiono legate da un’affinità di sangue, ma da un’affinità che riguarda lo spirito, l’anima”.

Martedì, 05 Giugno 2012 06:53

Myra/on, Silvia e Natascia: ce n’è per tutti i gusti!

Scritto da
[ARTI VISIVE]
tavola1natascia silviaROMA- ♥! Entra un moscone viola nel mio studio e ronza una spirale eccentrica attorno allo schienale della mia poltrona Luigi XV, mi volto, ed una lama di luce dalla parete abbacina la mia visione ordinaria e mi propone, al posto dell’armadio, un tazebao bianconero che si sgretola in milioni di cubetti e perle riflettenti mondi, mentre al suo interno, in vestiti di carta multicolori e plissettati, si muovono con sognante lentezza figure di circensi nobili e damine carnascialesche.

[STRIP-TEASE: FUMETTI MESSI A NUDO]
diegociorraPerché non parlarne sarebbe stato davvero antigiornalistico. Perché probabilmente in questa serie c’è la summa di tutto quello che abbiamo amato della fine dello secolo scorso: da Hunter S. Thompson al cyberpunk, dal cinismo da reduce alle sperimentazioni della Vertigo. Perché non averlo mai letto è a prescindere una pecca gravissima.

Lunedì, 04 Giugno 2012 22:11

Johan Zoffany alla Royal Academy di Londra

Scritto da

[GRAFFIATI AD ARTE]

Omino Shiba-okA Londra è arrivato il bel tempo, peccato non trovarsi lì adesso, vistare i parchi di quella città mi sarebbe piaciuto, invece la mia prima volta a Londra è stata decisamente umida. Quindi per forza di cose era necessario trovare un riparo, ma non sempre tutti i mali vengono per nuocere!

Lunedì, 04 Giugno 2012 22:01

Essere e non essere, questo è Meta-Teatro!

Scritto da
[TEATRALMENTE]

teatralmenteDallo zero assoluto del buio di scena emerge un nobiluomo spiritualmente incurvato e immalinconito, che avanza in un salotto cinto di immaginari quanto sdruciti tendaggi intrisi di pensoso romanticume ottocentesco, ripudiato e carico di librerie barocche ricolme di volumi e poltrone stile impero dal velluto consunto e ingiallito, tutto condensato in realtà in un baule pieno di appunti confusi e di tre metronomi, balocchi alla Man Ray custodi rigidi di un tempo ottuso.

Pagina 10 di 167