Giovedì, 26 Maggio 2011 11:36

ARTI CIRCENSI_ Danzar tra fuoco e aria

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Edoardo.Ferrini-24.05-Circo_1_spet-foto_02Al quarto appuntamento con le arti circensi del MArteLive l’apertura è stata all’insegna della musica classica e della danza abbinata alla giocoleria con Maurizio Mancini, che è entrato in scena danzando, mentre teneva sei palline sulla testa.


La musica è diventata man mano più ritmata e il suo corpo, sdraiato a terra, ha iniziato a muoversi con lei raccogliendo tre palline che, prima è riuscito a far muovere come se fossero una attaccata all’altra, e poi ha iniziato ad usare per un numero di giocoleria, mentre stava sdraiato sulla schiena con le ginocchia sulle spalle. Lo spettacolo è continuato con numeri di giocoleria eseguiti con una pallina ferma sul dorso di una mano mentre l’altra fa volteggiare nell’aria due palline, o con la testa usata per produrre una cascata di palline da una mano all’altra. Il numero si è chiuso con Maurizio che, con una pallina ferma sulla sua fronte, ha eseguito un numero di giocoleria utilizzando cinque palline che poi ha regalato al pubblico.

Passando all’esterno, dove si è esibita la seconda artista in gara, si è investiti dalla femminilità di Edoardo.Ferrini-24.05-Circo_2_spet-foto_05Cloe, vero nome Agostina Recinella, dei Circolya che ha portato in scena il suo spettacolo Mi querido Mr…Muñeco!!!.
Cloe è entrata in scena con un ombrello e la sua valigetta al ritmo di una delle canzoni più rappresentative del rock’n’roll, “Rock Around The Clock”, e, dopo aver divertito il pubblico con il suo specchio che non sta diritto, la cipria e le bolle di sapone, ha dato il via al cuore della performance: un numero aereo su due tessuti rossi. Lo show è continuato con Cloe che ha eseguito diversi esercizi sui tessuti aerei, senza mai uscire dal proprio personaggio o far passare in secondo piano la sua femminilità, tanto da aggiustarsi la gonna dopo una spaccata o tenersi su il vestito durante una verticale sospesa. Il pubblico ha partecipato divertito e ha tenuto il fiato sospeso quando l’artista ha simulato una caduta, lanciandosi in realtà nell’altro pezzo di tessuto che le ha fatto da amaca.

Edoardo.Ferrini-24.05-Circo_3_spet-foto_06Le emozioni non sono ancora finite perché a seguire ci sono stati subito i terzi concorrenti della serata, Bricco e Bracco, ovvero Carlo e Cesare, direttamente da Grosseto, che hanno proposto un classico spettacolo a base di giocoleria, figure acrobatiche e di equilibrio e tante gag spassose. Fin da subito hanno iniziato un dialogo col pubblico, esortandolo a trasmettere più energia tramite applausi e urla, per poi coinvolgere Arturo, uno degli astanti, in un numero contro il fumo, in cui la sigaretta gli è stata tolta dalla bocca da una delle clave che si sono scambiati i due artisti in un numero di giocoleria. Arturo è stato richiamato insieme a un altro “volontario”, Guglielmo, per aiutare Bricco a salire sulla giraffa, tipo di monociclo più alto di altri, dalla quale ha effettuato un nuovo numero di giocoleria scambiandosi le clave con Bracco, che è salito su un traballante parallelepipedo. La performance si è chiusa con diversi numeri di giocoleria fatti con delle torce infuocate, che i due artisti hanno fatto roteare nell’aria scambiandosele o facendo una IMGP0076piramide umana salendo uno sull’altro.

Ultima artista della serata è stata Maria Luisa Wally Dotti, alias Pinkmary, che si è esibita in un numero aereo su un tessuto a U durante il quale è stata capace di coniugare sensualità e voglia di giocare. L’artista, che ha iniziato praticando la ginnastica artistica per poi avvicinarsi al circo, si è rotolata, stesa, ha fatto capriole e altre acrobazie a circa 3 metri dal suolo mantenendo la grazia di una ballerina, nonostante lo sforzo fisico per tenersi al tessuto, incantando così il pubblico che ha applaudito con ammirazione.
Una serata in cui le arti circensi hanno volteggiato leggere nell’aria e hanno acceso negli spettatori il gusto del gioco e del divertimento.

Giuditta Danzi
Foto di Edoardo Ferrini

e Giacomo Citro

Letto 2990 volte Ultima modifica il Venerdì, 27 Maggio 2011 12:01