Martedì, 02 Aprile 2019 00:35

Viva San Lorenzo. Festival della cultura diffusa In evidenza

Scritto da idm
Vota questo articolo
(1 Vota)
San Lorenzo San Lorenzo Brunella Iorio
Dal 4 al 18 aprile, Viva San Lorenzo è il festival della cultura diffusa che mostra la ricchezza di uno dei più noti quartieri di Roma: la sua comunità. Due settimane per mettere in rete le luci accese in un quartiere al centro di recenti polemiche e fatti di cronaca, troppo spesso raccontato come buio, quando buio invece non è. 

Oltre trenta le realtà che aderiscono e organizzano un festival veramente collettivo. Le librerie indipendenti del quartiere, gli atelier degli artisti – aperti per l’occasione, le botteghe degli artigiani. Il negozio di dischi, i locali di musica dal vivo, le scuole di fotografia, quelle di ballo. Poi i bar delle piazze, il chiosco del parco giochi, la botteghe dei commercianti e le associazioni culturali e gli spazi sociali.

Ad aprire il festival sarà Marcello Fonte, palma d’oro a Cannes per Dogman con una performance al Nuovo Cinema Palazzo di piazza dei Sanniti, seguita dalla musica giamaicana, dallo Ska al rub-a-dub, miscelata ai giradischi da Cool Runnings. Questo è il via di due settimane di iniziative, con un calendario di eventi fitto ed eterogeneo: dalla visita guidata agli spazi espositivi del Pastificio Cerere alla serata di “silent disco”. E poi concerti, proiezioni, presentazioni di libri. Tanti i nomi che attraverseranno i luoghi del quartiere - come in realtà succede ogni giorno: lo scrittore Diego De Silva e Wu Ming1, il poeta Valerio Magrelli, il critico Andrea Cortellessa. E poi il visual designer Riccardo Falcinelli, Jessica Einaudi a Le Mura e Giancane, che suonerà all’Esc nel corso della giornata di FreeInk accompagnato dal fumettista ZeroCalcare. Ci saranno gli immancabili concerti della San Lorenzo Jazz Orchestra e poi mostre, corsi, laboratori, spettacoli per bambini. Iniziative che animano ogni giorno il quartiere, e che per la prima volta però confluiscono in un calendario collettivo, per mostrare quel che di bello e di vivo c’è già.

A promuovere il festival è la Libera Repubblica di San Lorenzo, nella convinzione che stare insieme sia il più efficace antidoto alla paura, all’abbandono, alla solitudine e che i quartieri siano sicuri quando ci si conosce, quando in tanti li si attraversa ma in tanti, soprattutto, possono viverci stabilmente, quando sono luoghi di economia virtuosa e di cultura. Come è ancora San Lorenzo – nonostante la generale tendenza all’impoverimento delle città. Una tendenza spesso incontrastata – spiegano gli organizzatori – e a volte favorita da un pregiudiziale racconto dei media o da sbagliate scelte amministrative. Spesso si rincorre una falsa idea di sicurezza e si rinuncia al coinvolgimento dei cittadini. Si lasciano degradare i beni comuni e gli spazi pubblici e non si sostiene il tessuto commerciale di prossimità, che è invece elemento centrale per la vivibilità di un quartiere.

Tra gli appuntamenti anche un’assemblea pubblica, in piazza, per discutere di cosa non va nei regolamenti, nel sistema di informazione, e di cosa invece si può fare, anche subito.

“Non possiamo permetterci il lusso del pessimismo, del cinismo, della tristezza”, è scritto sui manifesti che promuovono l’appuntamento: “siamo qui per raccontarvi quello che già sapete: che quando siamo uniti possiamo tutto. Che gioia e potenza si coniugano al plurale e che non abbiamo paura”.

Il programma completo sarà consultabile su www.liberarepubblicadisanlorenzo.it

Queste sono le realtà che - al momento - aderiscono, organizzando uno o più eventi, alla prima edizione di “Viva San Lorenzo”: Artisan, Atelier Aspecifico MyriamB, Atletico San Lorenzo, Baffo della Gioconda, Beba Do Samba, Chiosco San Lorenzo, Civico San Lorenzo, Civico Zero, Communia, Esc Atelier Autogestito, Ekuò Bottega solidale, Farinè, Fondazione Pastificio Cerere, Giufà libreria caffè, Il Grande Cocomero, Il Mangiadischi Record Shop, Il Sorì, Isfci - Istituto Superiore di Fotografia, La Gru, Le Mura, Libreria Anomalia - centro di documentazione anarchica,  Màteria, Mejo, Nuovo Cinema Palazzo, Palestra Popolare San Lorenzo, Paper Room, Pigmalione, Radio Sonar, Sally Brown, Scalo 77, Soul Kitchen, Spazio Duale, Tomo libreria caffè, Tram tram, Vox Populi.

 

Letto 94 volte

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information