Martedì, 24 Aprile 2012 14:14

REWINDItalia: Videoart in Italy 1968-1982

Scritto da
Vota questo articolo
(4 Voti)
[ARTI VISIVE]
IMG 4150 2ROMA- Dal 19 al 20 Aprile 2012 si è tenuto a Roma, presso il MACRO- Museo d’Arte Contemporanea, il primo Simposio organizzato dal Gruppo di ricerca REWINDItalia (progetto sponsorizzato dal AHRC – Arts and Humanities Research Council, GB) dal titolo REWINDItalia: Videoart in Italy 1968-1982; con il patrocinio del Di.Co.Spe Dipartimento Comunicazione e Spettacolo – Università Roma Tre e Duncan of Jordanstone College of Art and Design – Universita’ di Dundee (Scozia, GB).



Il Gruppo di ricerca è stato invitato il 30 novembre 2011 a presentare REWINDItalia nell’ambito del XVII Convegno Internazionale di Studi Cinematografici “Cinema & Diversità Culturale”, curato dai Proff. Giorgio De Vincenti e Marco Maria Gazzano. A conclusione della presentazione, ha avuto luogo un confronto con i colleghi italiani presenti all’evento, a seguito del quale si è deciso che RewindItalia si concentrasse IMG 4109 2essenzialmente sull’esame di casi di studio “esemplari”, nell’intento di rivelare attività troppo a lungo dimenticate. Obiettivo fondamentale è quindi quello di rendere noti, ad un vasto pubblico internazionale, le attività e i traguardi raggiunti in Italia, durante il periodo in esame, basandosi sull’esame di alcuni casi specifici di artisti, centri di produzione, mostre, festival e rassegne e di renderli disponibili finalmente in lingua inglese.
Il Progetto di ricerca REWINDItalia muove dalla consapevolezza dell’importanza della sperimentazione del video in Italia sin dai suoi esordi e punta a rinnovare l’interesse e l’attenzione internazionale per la videoarte italiana negli anni Settanta e Ottanta, per i suoi artisti e per i suoi studiosi riportando sotto i riflettori internazionali queste eccellenze. Hanno partecipato dei pionieri che hanno animato la ricerca, la produzione e il dibattito in quegli anni e la più recente generazione di critici, curatori e storici dell’arte e dei media, italiani e stranieri, che si occupano da lungo tempo dell’argomento.
Il convegno ha visto la partecipazione di artisti (Claudio Ambrosini, Theo Eshetu, Luca Maria Patella, Federica Marangoni, Luigi Ontani, Michele Sambin, Mario Sasso, Guido Sartorelli, Luigi Viola), curatori (Maria Alicata, Stuart Comer, Deirdre McKenna), accademici, critici e storici dell’arte e teorici dei media (Renato Barilli, Achille Bonito Oliva, Silvia Bordini, Valentino Catricalà, Eleonora Charans, Sean Cubitt, Giorgio De Vincenti, Bruno Di Marino, Lia Durante, Francesca Gallo, Marco Maria Gazzano, Luciano Giaccari, Laura Leuzzi, Angela Madesani, Dino Marangon, Anna Mazzanti, Silvia Moretti, Anna Notaro, Steve Partridge, Anne Marie Sauzeau, Lorenzo Taiuti), giornalisti (Mario de Candia), registi (Carlo Quartucci), performer (Carla Tatò), operatori (Carlo Ansaloni, Angelo Bacci) al fine di animare una riflessione organica e interdisciplinare, promuovendo un dibattito aperto e fruttuoso.

Marco Ardizzi
Foto di Daniele Romaniello


Letto 2792 volte Ultima modifica il Martedì, 24 Aprile 2012 14:20