Visualizza articoli per tag: Rubriche

Martedì, 18 Novembre 2008 00:44

Trituramenti lunari

[IL_7 SU...]

il7Lunar (www.myspace.com/lunaralfo) si ubriaca alla cieca con i suoi ripensamenti più assidui e ne esce intenso come il capriccio acustico d’un cantautore lunare. Cantastorie obliquo di una generazione intera di lumaconi folk come Nick Drake, mentre Ian Anderson, lontano, dice di saperne poco ma di essere contento lo stesso. “The 10th of June” sbrocca fuori dal guscio ed espone con relativa calma una grinta chitarristica inaspettata per un paio di elfi meditabondi. “Immobile” insinua una inquietanza crimsoniana in sintonia con i lamenti: presagi foschi scovati nel terreno brullo. Sarà saggezza o alchimia che spinge talvolta ad una rigidezza così espressiva che ricorda il Robert Fripp di The League of Crafty Guitarists?

Pubblicato in Rubriche
Martedì, 18 Novembre 2008 00:32

Oscura Signora a chi?

[STREAP- TEASE: FUMETTI MESSI A NUDO]

diegociorraEssendo Novembre il mese dei morti, perché non dedicare qualche riga ad un tabù della nostra cultura? Potrebbe essere un modo per scoprire che il fumetto, lungi dall’assecondare l’immaginario collettivo che la vuole rappresentata in veste lacera e falce in pugno, non ha mai considerato la morte un argomento da evitare, anzi ci ha regalato alcune imperdibili variazioni sul tema. Svolgete i gesti scaramantici d’uopo e continuate pure la lettura, dunque…

Pubblicato in Rubriche
Martedì, 11 Novembre 2008 22:43

Mosaicizzazione di coaguli musicali

[IL_7 SU...]

il7Jack Water (www.myspace.com/jackwater), laureato al DAMS e insegnante di Storia del Blues, si dichiara stanco – “Tired” – di attendere parole d’amore da chi non sa dare, ma, buon per noi, il calore del suo blues sa offrire una rappresentazione comprensiva di quelle attese, sfibranti ma coi pensieri in movimento, e con le ruote - e non solo quelle - che girano, lungo autostrade in cui sferraglia una chitarra rotonda, che per fortuna sempre va e apre gli spazi esterni o interiori ai nostri viaggi più liberatori, e dona splendore alle malinconie più pure.

Pubblicato in Rubriche
Martedì, 11 Novembre 2008 14:35

Johnny Freak

[STREAP- TEASE: FUMETTI MESSI A NUDO]

diegociorraE’ scivolato via dal calendario un altro Halloween, tra chi non approva l’ennesima “americanata” importata nelle nostre tradizioni, e chi invece considera l’orrorifica notte del 31 ottobre anche più divertente del Carnevale nostrano.
Personalmente di Halloween detesto il campanello di casa che suona a tutti i minuti, con orde strepitanti di ragazzini del quartiere a caccia del loro “dolcetto-scherzetto”, che interrompono le mie letture serali. Ammetto però che, per farmi coinvolgere almeno in parte dal mood della festa, scelgo sempre di rileggere alcune delle mie storie preferite di Dylan Dog, accompagnate da un sottofondo musicale adeguato. Su tutte, le canzoni dei Johnny Freak, band di Cassino le cui liriche si prestano perfettamente come colonna sonora per le tavole in bianco e nero del personaggio di Tiziano Sclavi…

Pubblicato in Rubriche
Martedì, 11 Novembre 2008 14:23

Piemonte: una regione DOC

[TRIP: NOTE DI VIAGGIO]

viaggiIl Piemonte è la terra natale di Luigi Tenco, dove riposano le sue spoglie. È una terra generosa, per i talenti, per le tradizioni culinarie, ricca di memorie, praticamente un libro di storia a cielo aperto: qui si è fatta l’Italia e anche qualche buon italiano.
Non so bene da dove cominciare dovendo proporre un itinerario in Piemonte. Da milanese, vivo questa regione come perfetto serbatoio di meraviglie appena fuori porta. Una delle mete preferite per il fine settimana. È vicina e al tempo stesso lontana: da Milano arrivi a Torino in poco più di un’ora e mezza. Arrivati a Torino però è come se il tempo rallentasse e per raggiungere il tanto agognato ristorantino a Cisterna D’Asti (per dirne una) ci si perde sulle colline.

Pubblicato in Rubriche
Martedì, 11 Novembre 2008 14:14

Un anno di pop surrealismo al Dorothy Circus

[GRAFFI(A)TI AD ARTE]

shibaRoma sa sempre stupirmi per i deliziosi gioielli trovati lungo il percorso dei miei tour artistici. Questa settimana ho seguito la strada dei mattoni gialli per giungere al Dorothy Circus, la galleria d’arte che ha compiuto un anno di vita lo scorso ottobre. Non avremo trovato la Città di Smeraldo ma il luogo è un mix di neo gotico e romantic pop da risultare kitsch quanto basta per farcene innamorare. Questa galleria, dalle pareti di stoffa rossa e pois oro, ha un angolo dedicato ai toys d’arte e alle riviste che illustrano le nuove tendenze artistiche d’oltreoceano.

Pubblicato in Rubriche
Martedì, 04 Novembre 2008 15:02

Anonimi Trendsetter

ileniapolsinelliLo sapevate che per trovare il proprio trendsetter di riferimento, non bisogna più riempirsi di riviste patinate alla ricerca spasmodica dell’attrice più trendy, o delle modelle più in…? Ebbene sì mie care Fashion Victims, siamo tutte delle potenziali trendsetter e cosa più curiosa potremmo diventarlo senza nemmeno accorgercene, visto che l’ultima mania che imperversa sul web in fatto di moda, i blog di cool hunting, sono diventati ormai i punti di riferimento per tutte le Fashion Addict.

Pubblicato in Rubriche
Martedì, 28 Ottobre 2008 11:09

24 H C D: la maratona della creativitè

[STREAP- TEASE: FUMETTI MESSI A NUDO]

diegociorra«Sono Jack Bauer, e questo è il giorno più lungo della mia vita»
E' con questa frase che si aprivano gli episodi della prima stagione di 24, il serial che ha rappresentato la vera, grande rivoluzione narrativa tra i prodotti seriali televisivi dell'ultimo decennio, tanto da conquistare 11 Emmy e 2 Golden Globe.
La struttura della serie, che vi ricordo nella speranza che sia superfluo e che tutti la seguiate già, prevede che un'intera stagione televisiva racconti una successione di eventi che avvengono nel corso di un solo giorno, ed infatti il numero fisso di episodi è 24, uno per ogni ora della concitata giornata vissuta dal protagonista Jack Bauer.

Pubblicato in Rubriche
Martedì, 28 Ottobre 2008 10:32

Genova: istantanee dal Pianeta Terra

[TRIP: NOTE DI VIAGGIO]

viaggi"Con quella faccia un pò così, quell'espressione un pò così che abbiamo noi, prima di andare a Genova, che ben sicuri mai non siamo, che quel posto dove andiamo, non c'inghiotte e non torniamo più”, cantava Paolo Conte (

).

E oggi devo ammettere che pur con tutti i suoi problemi, Genova resta un intrico affascinante e ripugnante di bellezza e vicoli degradati, dello splendore degli antichi Rolli, nominati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2006, e di viuzze maleodoranti, dove i genovesi stessi evitano di avventurarsi dopo una certa ora.

Pubblicato in Rubriche
Martedì, 28 Ottobre 2008 10:18

De rerum digitalis: della natura dell'universo

[GRAFFI(A)TI AD ARTE ]

shibaLe maggiori scoperte durante le giornate del Festival Della Creatività sono state fatte nel sottosuolo o nei luoghi più nascosti della Fortezza da Basso, del resto la creatività non è di certo cosa facile da gestire e da trovare neanche in un festival che ne porta il nome.
Non volendo cadere in una polemica sterile mi preme parlarvi di un progetto fortemente interessante sotto diversi punti di vista: De Rerum Digitalis.
Nei sotterranei del Padiglione Spadolini, un collettivo di artisti, seguiti e curati da Giovanni Cervi, ha raccolto idee sul futuro del pianeta.

Pubblicato in Rubriche
Pagina 10 di 18