Visualizza articoli per tag: Recensioni

Martedì, 17 Febbraio 2009 14:21

Cecilia _ "Papillon"

CD MUSICA- Elegante, senza ombra di dubbio. Forse a tratti fin troppo smielato per i miei gusti, ma comunque in ogni caso buono per il genere jazz melodico di cui questo disco è esponente. Papillon, il nuovo album di Cecilia prodotto dalla One E Music, ha il pregio di saper fondere culture e lingue diverse, mantenendo comunque, come filo conduttore e ispirazione stilistica, la tradizione internazionale della canzone jazzata.

Pubblicato in Focus ON
Venerdì, 06 Febbraio 2009 12:23

Australia, regia di Baz Luhrmann

CINEMA- “Se non hai amore nel tuo cuore non hai niente, non hai sogni, non hai storie…niente”: avete presente quei quadri che solitamente si vendono per le strade del centro storico? A Roma, specialmente vicino alla fontana di Trevi, artisti in ginocchio sui sanpietrini creano dei veri e propri dipinti con le loro bombolette spray.
Ciò che ne esce generalmente fuori è un paesaggio in bilico tra realtà e fantasia, carico di effetti tanto bizzarri quanto attraenti.
E’ così che si potrebbe descrivere Australia, l’ultima pellicola del nostro regista visionario per eccellenza Baz Luhrmann: un eterno sfondo magico, dai contorni irreali, quasi da fiaba.

Pubblicato in Focus ON

DVD CINEMA- Ottimismo democratico è un video-percorso di cortometraggi di Flavia Mastrella e Antonio Rezza, ideati e prodotti tra il 1990 e il 1999.
La produzione di questi due artisti eclettici ed innovativi è davvero consistente: una serie infinita di cortometraggi, tre lungometraggi, nove spettacoli teatrali, molte opere artistiche e letterarie. La nascita di questo Dvd deriva dal fatto che i loro lavori in bianco e nero, quasi dei cult, premiati più volte nei maggiori festival di cinema indipendente italiano, non erano mai stati pubblicati in home video prima d’ora.

Pubblicato in Focus ON
Venerdì, 06 Febbraio 2009 12:05

Francesca Bellino, Il prefisso di Dio

LIBRI- Il prefisso di Dio – storie e labirinti di Once, Buenos Aires è il racconto di una giornalista, Francesca Bellino, che non si accontenta di conoscere una nuova città, ne deve scoprire il segreto, quello più recondito, quello che neanche gli stessi abitanti della città conoscono.
La Bellino segue e chiede a chi vive a Buenos Aires come immigrante o a chi si trova in Italia per guardare da lontano i propri ricordi delle storie e dei labirinti della città, tanto da creare un collage di incontri con persone che sanno dare sempre una visione diversa dell’ossessione, rispetto al numero undici che Francesca Bellino insegue ovunque, cerca e perde, per poi ritrovarsi di fronte a rivelazioni inaspettate.

La scrittrice, con formazione giornalistica, fa una lunga conversazione con la città e con i diversi aspetti del quartiere ebraico di Once (che in spagnolo vuol dire appunto “undici”). Luogo di incontro per eccellenza perché quartiere di un secolare popolo di immigrati, gli ebrei, è anche luogo di adattamento, perché chi deve vivere una nuova realtà non può non avere spirito di adattamento, occorre che si mimetizzi e trasformi.
Oltre a ballare il tango porteňo si ascolta quello yiddish e si ricorda che uno dei più grandi della storia del tango moderno ha il nome italiano di Piazzolla.
I passaggi in cui si muove la scrittrice sono come la mateada, la consumazione del mate, un processo lento di condivisione e di incontro.

L’undici, il prefisso di Dio, è l’undicesimo comandamento, la chiave che serve ad aprire un luogo di incontro.
Da qui l’accesso ad uno spazio unico per più voci, per più visioni dello stesso Dio e della stessa realtà. Un libro che parte da un particolare per trovare l’universale, una conversazione con un uomo moro dagli occhi profondi e dalle parole accese e calorose si trasforma nel ballo caldo di una ragazza solare. Non un resoconto di viaggio ma la storia di un posto, visto da lontano e da vicino. Diverse le latitudini: la Bellino chiederà del quartiere ebraico argentino anche in Italia e sarà diversa la cronologia: la storia drammatica delle madri di Plaza Mayor e di quelle di una strage contemporanea, in discoteca, che ha lasciato un vuoto fisico nella città.

Bellino ha psicanalizzato una città, ne ha scavato gli amori e la famiglia, ha capito i malesseri e le paure. Ha imparato a capire i luoghi, quando questi, dopo essersi mascherati, hanno voluto rivelarsi al momento giusto, come una bella donna sa rivelare i suoi segreti nel confessionale o sul lettino dello psicologo, una delle professioni più praticate nella città.
In una raccolta di immagini storiche, la scrittrice regala un viaggio emozionante, da leggere prima di partire per l’America Latina, dopo che vi si è trascorso un po’ di tempo o anche solo per sognare di andarci: un libro di viaggio nel vero senso del termine.

Francesca Bellino, Il prefisso di Dio – storie e labirinti di Once, Buenos Aires, Infinito edizioni, pag 190, € 14

Pubblicato in Focus ON
Venerdì, 06 Febbraio 2009 11:58

The Rocksteady Beat Orchestra_ Old Italian Groove

 

CD MUSICA- La sagoma in bianco e nero di una signorina dalle curve sinuose, una Vespa bianca e un bel paesaggio marittimo sotto il sole cocente. Esteticamente si presenta bene questo Old Italian Groove, art work niente male anche se per certi aspetti forzatamente retrò. Se fosse uscito negli anni ’60 si sarebbe sentito a suo agio, questo è certo, ma comunque ascoltarlo in questi tempi di sonorità sintetiche e di iPod sfoderati dalle tasche con estrema disinvoltura può essere un’esperienza simpatica.

Pubblicato in Focus ON
Martedì, 27 Gennaio 2009 13:30

Alisia Mariani, Il tempo di Sofia

LIBRI- Questa storia si svolge in un tempo non lontano, quando ancora non sai chi diventare e soprattutto come si realizzerà il cambiamento.
Il tempo di Sofia, romanzo d’esordio di Alisia Mariani, edito dalla Giraldi, è la storia di una ragazza chiusa in un’intimistica riflessione su quello che la vita le dispiega di fronte.
Ci sono gli altri sempre un passo avanti, sempre più sicuri; un lui che è solo un desiderio; le fedeli compagne di classe, un amico di cui non si riesce a fare a meno e due genitori che si accostano come sanno.

Pubblicato in Focus ON
Martedì, 27 Gennaio 2009 13:25

Quartiere Coffee _ In-A

CD MUSICA- Primo album ufficiale per i Quartiere Coffee, prodotto dall'etichetta romagnola One Step Records e intitolato In-A. Un lavoro maturo e di elevata qualità sonora, con un forte sapore internazionale che alterna ritmiche tipicamente jamaicane, atmosfere urban style e contaminazioni dub.
È il reggae il punto nevralgico di In-A, un reggae rivisitato in chiave contemporanea, dove i ritmi in levare si fondono a suggestioni elettroniche e ad un coinvolgente stile new roots.

Pubblicato in Focus ON
Lunedì, 17 Novembre 2008 12:19

Lezione ventuno, regia di Alessandro Baricco

CINEMA- “Nel novembre del 1831, fu ritrovato, sulle rive di un lago a cento chilometri da Vienna, il corpo assiderato di un Maestro di musica che si chiamava Anton Peters. L’uomo era sdraiato sulla neve, accanto a una valigia, e stringeva tra le dita un violino. Lo faceva con tale forza che fu impossibile, poi, seppellirlo senza il suo strumento”, inizia sul ghiaccio il film del famoso scrittore torinese Alessandro Baricco, nella fredda malinconia di una morte e con la spiazzante sinfonia di sottofondo di un’aria del Farnace di Antonio Vivaldi.

Pubblicato in Focus ON
Lunedì, 17 Novembre 2008 11:58

Roberta D'Ovidio, Trame d'autrici, Il Filo

LIBRI- Trame d’autrici è la prima esperienza letteraria di Roberta D’Ovidio. Il titolo presuppone una ricerca nelle pagine della letteratura femminile e una discussione del modo di scrivere tipico delle donne, perché esiste una tipicità e uno stile proprio che appartiene ad un humus femmineo. Invece ci siamo imbattuti nella lettura di un saggio sull’identificazione di un genere femminile nella letteratura.

Pubblicato in Focus ON
Martedì, 11 Novembre 2008 12:40

Piji_ Lentopede

CD MUSICA- Lentopede è il primo lavoro ufficiale da solista di Pieluigi “Piji” Siciliani, un EP autoprodotto composto di 5 tracce rappresentative del mondo musicale in cui si muove il famoso Septet di accompagnamento composto da Domenico Sanna, Luca Iaboni, Matteo Locasciulli, Filippo Schininà, Biagio Orlandi e Matteo Ruberto. Tra i fiati fatati e struggenti del sax e della tromba, l’energia della chitarra elettrica e della chitarra classica, la ritmica del basso e della batteria si passa dalla musica cantautoriale, al pop italiano, passando tra elementi rock, slow, swing, jazz con sconfinamenti ritmici che vanno dalla rumba al terzinato anni ’60 e che riempiono le nostre orecchie di armonie mai sopite e dimenticate.
Pubblicato in Focus ON
Pagina 10 di 14