Martedì, 11 Novembre 2008 12:13

Angelo Franzone, Dialogo sul Boccascena. Saggio di ermeneutica teatrale

Scritto da Ambra Postiglione
Vota questo articolo
(0 Voti)

LIBRI- Per un borghese di fine ottocento andare a teatro poteva rappresentare un’occasione per evadere dalla realtà quotidiana o, al contrario, un innocente divertissement che gli consentisse di spiare – dietro la coltre protettiva della quarta parete – frammenti di vita altrui. Lo spettatore di oggi, invece, può contare su una vasta gamma di dispositivi tecnologici perfettamente in grado di soddisfare – quanto e meglio della messinscena - sia le esigenze di svago che il suo inguaribile voyeurismo. 


Se non è, dunque, sul piano della spettacolarità o della mimesis che il teatro può fronteggiare i propri “rivali”, a quali armi affidare la sua sopravvivenza nell’attuale società mediatica?
È proprio a questo interrogativo che Angelo Franzone dedica il brevissimo trattato «Dialogo sul Boccascena. Saggio di ermeneutica teatrale», pubblicato per la collana Nuove voci delle edizioni Il Filo.

L’annosa questione, già ampiamente sviscerata in ambito teatrale, viene qui analizzata da un punto di vista filosofico, con l’intenzione di avvalorare il sostrato concettuale di quel grado zero della rappresentazione individuato – grazie alle ricerche sperimentali di Peter Brook, Eugenio Barba e Jerzy Grotowski - nella relazione diretta tra attore e spettatore.

Non è un caso, quindi, che l’autore abbia scelto di sviluppare questo dibattito immaginario a partire dal boccascena, ideale punto di incontro tra palco e platea ma soprattutto luogo simbolico della loro interazione, piuttosto che di una comunicazione unidirezionale, propria di cinema e televisione.

Pur non proponendo soluzioni inedite illuminanti, il saggio – decisamente troppo breve per pretendere di esaurire la vastità dell’argomento – risulta nel complesso scorrevole, nonostante le numerosissime citazioni, ed offre un compendio utile a quanti, incuriositi da questo spunto, volessero addentrarsi autonomamente nella riflessione.

Angelo Franzone, Dialogo sul Boccascena. Saggio di ermeneutica teatrale, Il Filo Editore
Letto 1913 volte