Lunedì, 12 Ottobre 2015 16:31

ArtVerona 2015

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Dal 16 al 19 Ottobre arriva l'undicesima edizione di ArtVerona | Art Project Fair, diversi i segnali di crescita ed evoluzione di questa fiera d’arte moderna e contemporanea che, anche alla luce del passaggio nel 2014 in Veronafiere, sta vivendo un momento positivo.

Con un incremento del 10 % di espositori e del 20 % dei collezionisti, 115 gallerie che vedono importanti conferme e nuovi significativi ingressi, ArtVerona si presenta rafforzata nelle presenze e nelle proposte.

Un risultato possibile grazie anche all’indirizzo di ricerca e sperimentazione avviato negli ultimi anni dalla manifestazione e volto alla promozione del sistema dell’arte italiano, asset competitivo primario del nostro Paese.

Afferma Guidalberto di Canossa, vicepresidente di Veronafiere "Il rafforzamento dell’incoming, ottenuto stringendo sinergie con manifestazioni come Vinitaly, Marmomacc e Fieracavalli che vedono Veronafiere leader nel mercato internazionale, e il rinnovo di partnership importanti come quella con ANGAMC – Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea e Fondazione Domus per l’arte moderna e contemporanea, main partner di ArtVerona, e l'ingresso di nuovi partner BMW, Arena Broker, Azienda Agricola Gini. In ultimo, la partnership con l’Università di Verona".

Proposti, sotto la guida di Andrea Bruciati, direttore artistico dal 2014, format innovativi per sostenere la piattaforma dell’arte italiana, con iniziative come Level 0 (direttori di musei e istituzioni d’arte moderna e contemporanea italiani individuano nei giorni di manifestazione un artista di cui si faranno promotori attraverso la loro programmazione nell’anno a venire), FOCUS XX (il percorso espositivo dedicato ai Maestri del dopoguerra italiano, dedicato, quest'anno a Fausto Melotti: FABER), ARTES (l’indagine sulle diverse discipline artistiche, che dopo la pittura, affronterà con Some Velvet Drawing a cura di Eva Comuzzi lo status del disegno contemporaneo, grazie al contributo di oltre 60 artisti), i6 (lo spazio a cura di Cristiano Seganfreddo, dedicato alle realtà indipendenti italiane, tra collettivi e associazioni no-profit, che rispondono al tema della Qualità), King Kong (per accogliere i visitatori nei padiglioni con progetti di artisti che si confrontano con l’idea di monumento e installazione, intesi quale opera aperta e partecipata), Display (concorso inedito che riconosce alle gallerie il più curato progetto espositivo), ICONA (l’acquisizione dell’opera che meglio rappresenta la fiera nella campagna di comunicazione del 2016), ArtVeronaTalk (con I migranti dell’arte a cura di Adriana Polveroni porrà l’attenzione sul ruolo che l’Italia riveste a diverso titolo nel mondo dell’arte attraverso l’esperienza diretta di alcuni nostri connazionali all’estero) e atupertu (il nuovo format che permette al pubblico di incontrare vis à vis gli artisti).

Con il 2015 ArtVerona sperimenta la strada del crowdfunding lanciando una doppia campagna: Art Rounds, in collaborazione con Celeste Network e l’Università degli Studi di Verona, per la realizzazione di due progetti d’artista che andranno a contaminare gli spazi universitari; e Beyond Art Pavilion, che andrà a sostenere la realizzazione nel 2016 del progetto di arredo urbano di Claudia Suarezahedo, giovane architetta messicana vincitrice nel 2014 del contest internazionale Design Welcome, (il progetto nato per accompagnare i visitatori dall’ingresso della fiera ai padiglioni, è stato affidato quest’anno a Reverse, studio di progettazione indipendente presente in fiera con una maquette, per una rilettura in chiave ecosostenibile).

Tutti progetti volti a creare ricadute positive nel tempo e sul territorio, dal Comune di Verona che apre in occasione le proprie sedi istituzionali all’arte contemporanea; all’Accademia di Belle Arti di Verona, che da quest’anno cura ArtVeronaYoung con atelier under 12 in fiera, all’Università degli Studi di Verona, con cui oggi, Veronafiere sigla un Protocollo d’Intesa, che vede le parti impegnate per due anni su più fronti in occasione di ArtVerona, come pure i collateral salgariani, fonte d’ispirazione per una rilettura della contemporaneità.

www.veronafiere.it

Letto 1502 volte