Giovedì, 12 Gennaio 2017 17:49

ALIQUAL In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

ALIQUAL

Aliqual è un progetto che il fotografo Massimo Mastrorillo ha iniziato a sviluppare dopo essere tornato a L’Aquila per circa 6 anni, passando dalla documentazione del post-terremoto, avvenuto nel 2009, a una ricerca visiva che si sofferma su una zona d’ombra, dove un mondo ora inabitabile sembra riprendere vita. Laquilalaquilalaquilaaliqualaliqualaliqual: c’è un gioco molto semplice che consiste nel ripetere una parola in continuazione fino a che il suo senso si sfalda e diventa un qualcosa di misterioso, qualcosa che ci fa perdere l’orientamento e ci dà la possibilità di immaginarci in un mondo che improvvisamente è diventato altro.

Lasciandosi alle spalle l’arcipelago delle nuove periferie costruite dopo il sisma, Massimo Mastrorillo ritorna nel centro della città, ma questo avvicinarsi lo porta all’interno di una dinamica centrifuga: frammenti e rovine sembrano prender vita, come in un improbabile futuro distopico che si fa metafora di una crisi di più ampia portata, oltre gli effetti di un evento – il terremoto – ancora lontano dall’essere superato.

Una crisi esistenziale e collettiva si manifesta in un rapporto con la storia e con la memoria che sembra destinato a svuotarsi inesorabilmente di significato, nell’ostinato rincorrere interni di un centro che più che abitato sembra infestato, dove tutto è soggetto a continue metamorfosi, l’organico si confonde con il disorganico. In questo tempo sospeso, il confronto con il futuro prende la strada di un’esplorazione impossibile da realizzare col linguaggio della documentazione e si avventura in registrazioni quasi automatiche, fatte di colori, linee, geometrie. Un’improbabile misurazione del caos che tenta di ricostruire, nel continuo scomporsi e ricomporsi di forme, nuove possibilità di esistenza. Da venerdì 13 gennaio alle 19 a Officine Fotografiche Roma la mostra. Ad aprire la mostra ci sarà un talk sul progetto Aliqual con l’autore, Massimo Mastrorillo, e Augusto Pieroni, storico e critico delle arti fotografichecontemporanee.

 

http://roma.officinefotografiche.org/mostre/aliqual/

Letto 3171 volte