Lunedì, 13 Giugno 2011 20:26

Suggestioni e ironia: Gautier in mostra

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
[DIMODA & DEMODE’]

ileniapolsinelliEclettico, innovativo, semplicemente irresistibile. L”Enfant Terrible” della moda  Jean Paul Gautier, a partire dagli anni Settanta,  ha ammaliato lo sfavillante mondo delle passerelle e creato  contaminazioni che esplorano le connessioni tra arte e fashion system. 


Una retrospettiva, allestita dal 17 giugno al 2 ottobre presso il Museum of Fine Arts di Montreal, celebra i 35 anni di carriera dello stilista francese, che ha influenzato il mondo del cinema e della musica, con costumi realizzati per i jpg_040lavori di Almodóvar e Besson o indossati da icone pop come Kylie Minogue o Madonna.
L’esposizione riunisce materiale vario allo scopo di fornire un’immagine completa del multiforme e colorato universo firmato Gautier: una selezione di 120 capi di alta moda si affianca alla scelta di pezzi prêt-porter, realizzati dal 1976 al 2011 per collezioni uomo o donna.
L’abito viene considerato analizzando le fasi creative che rendono possible il soprendente risultato finale, i vestiti sono accompagnati dagli schizzi che ne definiscono i contorni e rendono evidenti le minime variazioni. Ogni dettaglio diviene simbolo di eleganza, ogni processo creativo parte della magia compositiva: l’immagine non è altro rispetto all’oggetto immortalato, ma ultima forma di espressione.
La mostra ospita infatti anche opere video e fotografie realizzate da artisti come
Paolo Roversi, Mario Testino, Jean-Baptiste Mondino, Pierre & Gilles, David LaChapelle, Steven Klein
.
L’ironia e il potere cromatico sono parti inscindibili del genio, care fashion Victim, incredibile gioco di luci e colori, catturato dalla mostra
The Fashion World of Jean Paul Gautier.

Sofia Mattioli

Letto 1541 volte