Visualizza articoli per tag: arte

Mercoledì, 22 Aprile 2009 21:31

Vinyl Factory

BodyPart
[MUSICA/ARTI VISIVE]

ROMA- Spendere 40 euro e passa per un 45 giri originale di Caterina Caselli può essere considerato un atto irrazionale, ma quando questo viene trasformato in opera unica da un artista, i parametri per la sua valutazione crescono a dismisura, insieme al divertimento creativo di chi ha "sovrainciso" il disco.

Pubblicato in Notizie
Mercoledì, 27 Maggio 2009 06:21

Gli artisti del MArteMagazine

[GRAFFI(A)TI AD ARTE]
shibaIn via dei Serpenti, una delle gallerie storiche di Roma, la Galleria dei Serpenti, trasformata negli ultimi tempi in un centro culturale, ho trovato due dei volti del MArteMagazine, Il_7 e Fabrizio Perrini. La collettiva Performing arts contemporanea ha presentato nel mese di maggio due date, 13 e 27, in cui le arti visive si combinavano alla musica e alle letture.
Pubblicato in Rubriche
shiba[GRAFFI(A)TI AD ARTE]

In via del Fiume 10 A, una traversa di via di Ripetta in Roma, vicino all'accademia delle Belle Arti c'è un piccolo spazio legato ancora al modo antico di fare arte.
Barbara Medori ci ha invitati a conoscere la sua bottega d'arte, e ci accoglie assieme a Maria Grazia Moretti che condivide con lei lo spazio artistico e la sua passione, ma soprattutto la verve positiva verso il futuro.

Pubblicato in Rubriche
Mercoledì, 11 Marzo 2009 22:27

Muse ispiratrici, artiste, ma soprattutto Donne

Il soggetto femminile rimane il più intrigante enigma che la storia generale e il sensibile mondo dell’arte abbiano affrontato. La donna da secoli è oggetto e soggetto dell'arte nelle sue molteplici sfaccettature: donna come madre, donna come santa, donna come diavolo, donna come amante. Se andiamo a ritroso nel tempo vediamo come la femminilità sia un tratto marcato dell’umanità più volte affrontato, con violenza o con poesia, con erotismo o malinconia, con amore e con diffidenza.

Pubblicato in Editoriali
Giovedì, 26 Febbraio 2009 11:17

Un Sanremo Futurista? Tra qualche anno...

Che rapporto può avere il Festival della Canzone Italiana con il Futurismo?
Ad una prima occhiata, nessuno. Potrebbe essere un semplice accostamento di manifestazioni avvenute nella stessa settimana, una a Roma (Futuroma appunto) e l’altra a Sanremo.
Invece no, ci siamo divertiti ad immaginare un Sanremo Futurista e un futurismo in cui comparissero nani e ballerine, travolte dal mito della velocità, magari la stessa velocità delle audizioni tra le lenzuola di un bell’albergo, anche se ormai decadente.

Pubblicato in Editoriali
Giovedì, 05 Febbraio 2009 13:23

Tatiane Araujo: i colori del Brasile a Roma

Nella prima serata dell’edizione 2008 del MArteLive abbiamo scoperto Tatiane Araujo da Silvia. In questo periodo in mostra i suoi lavori in una esposizione dal titolo Arte & Solidarietà, presso la galleria GARD, via dei Conciatori 3/I. Tatiane è alla sua terza mostra a Roma e sta programmando esposizioni a New York, Berlino e Lugano. Qualche tempo fa ci ha parlato di arte e di se stessa (difficile per lei distinguere le due cose). Il nostro appuntamento era a Campo de’ Fiori, nel pieno di una mattinata assolata.

Pubblicato in Interviste 2007-2012
Giovedì, 12 Marzo 2009 13:45

Quando l'immigrazione produce...un incontro

[ARTI VISIVE]

Le crisi acuiscono le paure, non servono trattati di sociologia per capirlo, e sappiamo anche che c’è chi sa cavalcare l’onda e sfruttare o aumentare le paure che ci costruiamo per proteggerci.
Ma quella che vogliamo raccontare è un’altra storia. Fino al primo marzo 2009 il museo di Trastevere ha ospitato una mostra fotografica dal titolo Quando l’immigrazione produce.

Pubblicato in Notizie
Giovedì, 12 Marzo 2009 09:27

Napoli senza titolo

[ARTI VISIVE]

NAPOLI- Al PAN Palazzo delle Arti di Napoli di via dei Mille, fino al 10 aprile, in contemporanea alla mostra MySpace: cosa vuol dire pubblico?, la mostra collettiva Napoli senza titolo documenta e ripensa gli spazi pubblici della città, attraverso progetti, fotografie, immagini e video.
Nel solco delle diverse sollecitazioni a ripensare l’immagine della città, la mostra approfondisce il rapporto tra la città e il suo spazio pubblico, trasformatosi nel tempo, influenzato dalle diverse correnti culturali affermatesi a Napoli, città dai forti mutamenti sociali ed economici che ridefiniscono confini, simboli e identità.

Pubblicato in Notizie
Mercoledì, 18 Febbraio 2009 23:29

Legni danzanti: echi lontani

[ARTI VISIVE]

La scultura è un’attività che richiede molta pazienza e determinazione nell’affrontare un materiale che si presta alle nostre suggestioni e sensazioni. Un materiale acquista forma e volume sotto lo sguardo costante dell’artista che trasforma un’idea in una creazione tangibile e osservabile sotto ogni angolazione e prospettiva.
Quando si osserva una scultura si chiede all’opera di rappresentare le emozioni del suo creatore, ci si interroga quale sia il significato della stessa e perché sia stato prediletto un determinato tipo di materiale tra tutti quelli che si hanno a disposizione, dal freddo del marmo alle levigature rossastre del rame, dall’antica creta al legno danzante.

Pubblicato in Notizie
Mercoledì, 18 Febbraio 2009 23:25

MySpace: cosa vuol dire "pubblico"?

[ARTI VISIVE]

Cos'è pubblico e cos'è privato? Cos'è reale o virtuale? Quali gli spazi che ne delimitano i confini?
Diciotto artisti ospiti al PAN - Palazzo delle Arti di Napoli riflettono sulla contrapposizione tra i due piani appartenenti alla vita di ognuno di noi, nella mostra My Space. Cosa vuol dire pubblico? a cura di Laura Barreca e Jlia Draganovic.
Nell'era dei social network, dei reality show televisivi, degli spazi moltiplicati e allo stesso tempo ristretti, ogni artista propone uno spunto di riflessione ora giocoso, ora provocatorio.

Pubblicato in Notizie
Pagina 9 di 15