Martedì, 11 Novembre 2008 23:52

Moltheni Live @ Circolo degli Artisti

Scritto da Valeria Ponte
Vota questo articolo
(0 Voti)
[MUSICA]

Moltheni torna nella Capitale con stile ed energia. Solca il palco del Circolo degli Artisti davanti a un pubblico in attesa e sfodera il carisma zen che lo contraddistingue.
Al mio arrivo in sala si esibivano i Colore Perfetto, band esordiente in uscita con il primo album Il Debutto per l’etichetta Tempesta Dischi, la stessa di Moltheni.


La band scalda bene il pubblico del cantautore marchigiano che si presenta sul palco senza fronzoli, prende in mano la sua chitarra e inizia a cantare accompagnato dai suoi collaboratori: Pietro Canali, Giacomo Fiorenza e Gianluca Schiavon.
Dopo un anno di attesa i tanti fan presenti lo scorso venerdì 7 novembre, e la profana sottoscritta, hanno apprezzato il sound profondo e intimista del nuovo album I Segreti del Corallo, da “L’Attimo Celeste” a “Gli Anni del Malto” fino a “Corallo” (richiestissima dal pubblico) cantata con la vocalist Barbara Adly. L’intensità dei brani di Moltheni rende la performance affascinante e suggestiva, emozionano “L’Età Migliore”, “Il Bowling”, “Il Circuito Affascinante”, “Nella Mia Bocca” eseguiti con sobrietà, stile e un pizzico di ironia.
In un’ora e mezzo il cantautore propone una scaletta dinamica e varia, seguendo sempre il suo stile ma accontentando i desideri del pubblico. Colpisce l’intenso rapporto tra l’artista e i suoi fan, una corrispondenza fatta di sguardi, come se il palco non esistesse, senza le ritualità che accompagnano le band, eliminando ogni traccia di snobismo e ritornando alle origini del cantautorato italiano. Elementi che spesso gli artisti perdono insieme al senso della realtà.

Umano e tangibile, come le sue canzoni, Moltheni chiude il live al Circolo degli Artisti insieme a i Colore Perfetto con “Un Giorno Qualunque” brano dalle sonorità rock e dal ritmo intenso.
La cultura rock/folk italiana è ancora viva, case discografiche importanti e pubblicità non cambiano un’emozione che resta impressa e viva quando musica e parole sono forti come quelle di Moltheni.

Letto 1834 volte Ultima modifica il Domenica, 26 Aprile 2009 21:26