Visualizza articoli per tag: lpm2015

Martedì, 16 Giugno 2015 10:48

Gianluca Del Gobbo [LPM 2015 Interview]

Gianluca Del Gobbo, fondatore nel 2004 di LPM, è una delle personalità che hanno contraddistinto la scena della creatività italiana negli ultimi quindici anni. Nel 1996 fonda Flyer Communication S.r.l, agenzia di comunicazione specializzata sul web, dove idee innovative, originali e sperimentali si trasformano in progetti. Dieci anni dopo Achille Bonito Oliva gli conferisce l’A.B.O. d’argento, per per essersi distinto come uno dei protagonisti dell’arte contemporanea internazionale per il progetto sperimentale Shockart.net, nato con l’obiettivo di creare il primo riferimento culturale per la valorizzazione e la divulgazione della Web art. O, come preferisce chiamarla lui, “arte performativa”.

Pubblicato in Contenuti speciali

Pixel Bitch, 40 anni, & o_iElectricista, 39 anni, Portogallo

Questi due ragazzi portoghesi sono a LPM per presentare una performance di videomapping che unisce animazione visiva e impressioni sonore. Il primo, Vj, è un professionista nel mixare tra loro differenti tecniche di visual art. Il secondo, Dj, cerca di trasformare input diverti in suoni corrosivi, caotici, ironici e talvolta melodici. Per entrambi, improvisation is the key.

Pubblicato in Contenuti speciali
Martedì, 16 Giugno 2015 08:44

Paul Vivien [LPM 2015 Interview]

Paul Vivien, 22 anni, Francia

Trovo Paul seduto da solo su un gradino, poco fuori dal cinema. L’avevo visto all’opera qualche sera prima e decido di scambiare due chiacchiere con lui per conoscerlo meglio.

«Sono il direttore di Oyé, un’etichetta francese specializzata in tutti i tipi di arte digitale: insieme ad altri cinque artisti della mia label produco installazioni interattive, visual performance, videoart e mapping monumentale e architettonico.»

Pubblicato in Contenuti speciali
Martedì, 16 Giugno 2015 08:38

Aikìa [LPM 2015 Interview]

AIKìA, 32 anni, Italia/Germania

Aikìa, alias Alessandra Leone, l’ho raggiunta dopo aver visto un video di presentazione della sua crew, StratoFyzika, il gruppo con cui lavora a Berlino da circa tre anni. Oltre a lei ci sono Akkamiau, sound designer (CZ), e Hen Lovely Bird (USA), la ballerina che interagisce con il pattern visivo e sonoro creato dalle due artiste.

Pubblicato in Contenuti speciali