Venerdì, 27 Settembre 2019 14:08

I nasoni raccontano, terza edizione: un viaggio nella storia del Pigneto In evidenza

Scritto da Carlo D'Acquisto
Vota questo articolo
(0 Voti)

Terza edizione, terzo quartiere, terzo viaggio nel tempo. La compagnia del Teatro dell’Orologio torna con i suoi spettacoli itineranti e con il suo progetto di maggior successo: I nasoni raccontano. Nata dalla chiusura forzata del Teatro dell’Orologio, la compagnia di Fabio Morgan propone da anni spettacoli che trasformano la città nel proprio palcoscenico: in “scena” un gruppo composto perlopiù da giovani attori emergenti, supportati dalla regia di Leonardo Ferrari Carissimi. Tra riproposizioni di Shakespeare e Dickens, i lavori che meglio incarnano lo spirito di queste insolite proposte teatrali, e non a caso inseriti all’interno dell’Estate Romana, sono proprio quelli dedicati ai quartieri periferici di Roma. Dopo Centocelle e Tor Pignattara, ora è il turno del Pigneto, quartiere diventato uno dei poli principali della vita notturna capitolina.

Da un’edizione all’altra, le storie cambiano sempre, gli attori quasi, ciò che resta in comune è il meccanismo che fa muovere il pubblico di nasone in nasone. Le iconiche fontanelle romane diventano quindi un punto di ritrovo per raccontare i personaggi e le vicende che hanno trasformato i quartieri in quello che sono ora: dagli abitanti, ai lavoratori, agli imprenditori, passando da personaggi di spicco come Pier Paolo Pasolini. La cifra stilistica è dichiaratamente quella della commedia farsesca, genere molto apprezzato da un pubblico non abituato a frequentare i tipici contesti teatrali. Gli spettatori infatti impazziscono per i personaggi grotteschi messi in scena dall’accoppiata Morgan-Carissimi: su tutti la famiglia di becchini Le Bare, personaggi ricorrenti in tutti gli spettacoli dei nasoni, vero e proprio fil rouge che introduce e chiude le performance dando il là ai numerosi viaggi temporali.

Questi personaggi grotteschi, gretti, volgari e anche un po’ misogini, incarnano al meglio lo spirito di questo progetto e improntano fin dall’inizio il tono di una commedia che avrà il suo culmine in una diatriba sull’immigrazione e sulla deriva del mondo del lavoro posta in essere dalle prostitute e dai trans del quartiere. Insomma, in oltre due ore di spettacolo (la metà delle quali passate a passeggiare per le vie del quartiere) le risate sono assicurate. Ma è una risata consapevole, che affonda nelle dinamiche storiche e sociali che tanto ben conoscono chi vive tutti i giorni la realtà di questi quartieri periferici. I nasoni raccontano è un progetto vivo, in continuo divenire; un progetto apprezzato dal pubblico e appoggiato dalle istituzioni che vedono in questo strano mix di storia, indagine sociale e comicità un ottimo modo per avvicinare le persone comuni alla cultura teatrale. Lo spettacolo verrà replicato venerdì 27 e sabato 28 settembre al Pigneto, poi si ricomincerà d’accapo in un altro quartiere. E tutti non vediamo l’ora di sapere quale sarà.

Letto 265 volte

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information