Martedì, 10 Novembre 2015 08:39

Nuove influenze tra arte e musica per Asyncrono

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
Reset Robot Reset Robot

Legami, suggestioni, influenze tra arti visive e musica sono un tratto caratteristico di molte espressioni creative del nostro tempo e del concept Asyncrono.

Dopo l'evento inaugurale del 16 ottobre, Asyncrono torna, venerdì 13 novembre per il suo secondo appuntamento al Brancaleone (Via Levanna 11, Roma).

Dalle 23.00 le sale del locale prenderanno vita con il dj producer inglese Reset Robot assieme al concept artistico Electrovinyl (YESO REFLEKTOR, GABRIEL GUSH, LEMON LIGHTS) mentre nella mostra di arte contemporanea "Grace", la giovane artista emergente racconterà dell'uomo nella sua essenzialità, di come "il legame di ogni creazione, e allo stesso tempo la sua mutazione, è il cambiamento; il nostro trasformarci in qualcosa di diverso molto lontano dalla parola umanità"!

 

RESET ROBOT

Influenzato da club come Fabric e Slinky e da dj come Sasha, Digweed e i Wiggle Boys, con il tempo ha trovato la sua sonorità a volte minimal, ma non troppo, un po' Dark e nello stesso tempo illuminante.

Nel 2009, Reset annuncia l'uscita di 6 tracce sull'etichetta Sci + Tec, sotto la guida di Ali Shirazinia, meglio noto al mondo come Dubfire, proseguendo una serie di successi e produzioni su label del calibro: Get Physical, Soma, Drumcode di Adam Beyer, e rimanendo con i piedi per terra e con lo stesso spirito del ragazzo di Portsmouth, attualmente lavora a progetti anche su Dogmatik e Intacto, scoprendo una vocazione particolare per la Truesoul Beyer (quattro EP di 4 tracce rilasciate fino ad oggi) collaborando assieme ad alcuni dei principali dj della scena mondiale.Un diario fitto di appuntamenti con tour che lo portano in giro esplorando territori diversi come Australia, USA e tutti gli angoli d'Europa.

GRACE (Grace Volpe)

Studentessa di ventuno anni della Rome University of Fine arts, il suo lavoro si basa sullo studio approfondito del corpo umano, ma da un punto di vista che ad occhio nudo non si è in grado di cogliere. I suoi quadri mostrano il lato nascosto del meccanismo umano dove la cellula è la protagonista indiscussa. Una rete infinita di connessioni, una galassia che fa da vestito. “Quasi tutto ciò che esiste nell'universo può essere ritrovato all'interno di una cellula vivente, come se fosse un micro universo”. Conteniamo un insieme di moltitudini che Grace porta alla luce; sulle sue tele lo spazio si dilata, i colori esplodono come energia rimanendo legati alla luce bianca della creazione. Incrostazioni, gesso, colature danno vita alla materia di cui siamo fatti dando la sensazioni di poter essere “toccati” solo allungando un dito, solo desiderandolo. Ogni particella segue il proprio movimento, brilla per un istante e poi sparisce nel vuoto dell’universo; per Grace ognuno di noi è quella particella che cerca il suo posto nel mondo per brillare, per differenziarsi dalle altre, per trovare una propria identità, ma oggi, per la nostra società, quello che conta non è più il corpo, ma la sua forma, un vestito effimero che indossiamo.

 

PREVENDITA €10 ( Incluso 1Drink )

( Ritira il Drink alla cassa )

OMAGGIO DONNA in lista ASYNCRONO entro 01:00
Invia sms o whatsapp 

Intero 10€ senza Drink

Per l'evento ufficiale su facebook cliccla qui

Letto 2925 volte