Visualizza articoli per tag: musei

Giovedì, 19 Marzo 2020 09:31

Giro del mondo… passando per musei

Tra i tanti consigli su cosa fare e vedere in questi giorni di isolamento, abbiamo fatto la nostra personale selezione di musei virtuali e archivi digitali da visitare da casa dal proprio computer. Di quelli italiani e quelli più conosciuti che stanno mettendo a disposizione i loro archivi e banche dati ne stiamo avendo notizia quotidianamente, per fortuna, direi. Questi sono musei che raccolgono collezioni speciali, quelli che si scoprono grazie alle dritte di amici che ci sono stati o dopo aver letto un piccolo articolo di consigli su una rivista di arte o di costume.

Pubblicato in Focus ON

Partecipa a #DITcall, la call for proposals rivolta a tutti i musei e istituzioni culturali italiani cha ha l’obiettivo di individuare e presentare – in occasione di DIGITAL THINK-IN. La voce digitale dei musei (4 novembre 2015) – i migliori progetti digitali dell’anno legati alle attività culturali, educative, promozionali e di ricerca.

DIGITAL THINK-IN è la prima edizione di un appuntamento annuale per approfondire il tema dell’innovazione digitale e tecnologica in ambito museale, un’opportunità per professionisti e appassionati di incontro e confronto, di combinare esperienze e visioni e progettare nuove opportunità per i musei.

COME PARTECIPARE
Ciascun museo può partecipare proponendo un massimo di 2 progetti. Per ciascun progetto occorre compilare – entro il 30 settembre 2015 – il seguente form.
Sono ben accetti i progetti che esaminano le pratiche svolte presso i musei con una particolare attenzione all’innovazione digitale e alla tecnologia.
I progetti presentati devono essere stati realizzati e prodotti tra settembre 2014 e settembre 2015.


SELEZIONE E PRESENTAZIONE
I progetti individuati da una commissione esterna di esperti saranno presentati dai rispettivi referenti in occasione della conferenza. Il referente di ciascun progetto avrà diritto alla partecipazione gratuita all’intera giornata. Il palco sarà a sua disposizione per 7 minuti.

Per ulteriori informazioni:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.fondazionemaxxi.it

 

Pubblicato in News
Lunedì, 20 Aprile 2015 19:12

Arteq Summit: dove i musei incontrano il futuro

Ad ArteQ si espongono i progetti e le innovazioni tecnologiche introdotte nei contesti d'arte e non solo - musei, mostre, parchi naturali, aree archeologiche - in Italia e all'estero, e si mettono in rete i principali player dell'industria digitale e della robotica (IoT, wearable, droni, AR, THINGS, BLUE OCEAN) con i musei e protagonisti del mondo culturale internazionale. Tra i partecipanti: Samsung Italia, ETT, Vidiemme, Museo del Cinema di Torino e Muse - Museo delle Scienze di Trento. In sala presenti anche MIT, Palazzo Madama, Accademia di Brera, Gallerie d'Italia, Biblioteca Ambrosiana, Galleria Nazionale di Piacenza, FAI, WWF Italia.

Tecnologico, innovativo, interattivo e internazionale: ArteQ è il primo evento in Europa dedicato alle tecnologie per il turismo e per la fruizione dei beni culturali. Dalle 9.30 del 28 aprile al Mercedes Benz Center di Milano si riflette su come valorizzare al meglio l'offerta dei Beni Culturali e, per sollecitare la crescita dei flussi turistici, della domanda di cultura e dei servizi di qualità. La giornata è uno dei principali eventi della prima edizione della DISRUPTVE WEEK MILAN, la settimana di appuntamenti milanesi dal 27 al 30 aprile sulle tecnologie emergenti.

L'evento è organizzato da Innovability, azienda leader nell'organizzazione di eventi b2b nel settore delle tecnologie ICT, in collaborazione con Musei-it.com, la prima comunità italiana che dal 1999 riunisce i principali musei e siti culturali.

La conferenza interamente in lingua inglese, è gratuita per tutti gli operatori professionali dei musei e della cultura, bastaregistrarsi sul sito di Musei-IT: i posti sono limitati.

www.arteqsummit.com

 

Nella gallery: 

- Google glass utilizzati al Museo Egizio a supporto delle disabilità. L’applicazione permette ai non-udenti di godere della descrizione delle opere del Museo Egizio in LIS (Lingua  Italiana dei Segni) grazie ad un avatar virtuale

- Sala della tempesta in 4D del Galata Museo del Mare di Genova: un esempio di tecnologia al servizio dell’Edutainment

- Gli Oculus, altro esempio di realtà virtuale utilizzata nei musei

Pubblicato in Events