ROMA- Un corpo di vetro per un’anima cristallina. Michel Petrucciani era un uomo che sapeva amare e farsi amare, nonostante qualsiasi limite abbia potuto imporgli la vita. Era un uomo che inoltre amava quello che faceva: la musica quanto i viaggi, le donne quanto le sfide.

Pubblicato in Report Live

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information