Mercoledì, 28 Luglio 2010 13:54

Jonsi: un unico respiro senza tempo

4796185454_4a0c61c4a3ROMA- Ci sono concerti difficili da descrivere e raccontare perché non sono note, luci e colori, ma suoni, atmosfere ed emozioni.  Ci sono concerti che per essere “rock” e scuotere hanno bisogno di un assolo con una chitarra elettrica distorta, altri che per esserlo hanno bisogno anche solo di una voce e qualche strumento.

Pubblicato in Report Live

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information