Domenica, 13 Giugno 2010 17:37

Doppia identita' elevata al superficiale

Scritto da Salvatore Insana
Vota questo articolo
(0 Voti)

rezza_-_bahamutROMA- In un Teatro Belli sovraffollato e sovraccaldato, Antonio Rezza ha imperversato per tre giorni (dal 3 al 5 giugno) come irresistibile tiranno grottesco della scena, infilandosi a capo della rassegna Garofano verde- XVII edizione, che Rodolfo di Giammarco dedica da anni al teatro che fa dell'omosessualità il suo centro espressivo e/o riflessivo, coinvolgendo anche magari – come nel caso in questione – chi “dell'omosessualità non ne ha l'indole perché non la vive sulla propria pelle”.

Performante (e perforante) atleta che prende a pugni la confezione spettacolare (fino a metterne KO le più sonnolenti e ingessate recite), concentrato esplosivo di dinamiche relazionali scoppiate sul nascere, parodia d'ogni rappresentazione, Rezza con questa Doppia identità antologizza con dis-far suo le sue stesse opere (da Io a Pitecus, passando per Bahamut e l'ultimo 7, 14, 21, 28), con il contributo sacrificale di Ivan Bellavista e sopratutto in infernale collaborazione con le invertebrate e malleabili macchine sceniche di Flavia Mastrella – una gruviera di pieghe e fori da indossare e dis-ossare, dentro le quali entrare sparire nascondersi ri-farsi, in una moltiplicazione esilarante delle persone-maschere, identità friabili erose fin dalle fondamenta.
Allora il discorso di coppia si risolve sempre in un calcolato o ingenuo gioco di posizione (è tutta questione del posto che occupi, nel lavoro così come nel quadro-cornice, nella storia-plot, così come nel rapporto sessuale) e di imposizioni violente. Con costrizioni da codice sociale, morale, sentimentale da confutare.
Con la famiglia il matrimonio, l'impegno civile, fatti a pezzi a colpi di slittamenti linguistici e di sovvertimenti di direzione.
I sotterfugi razionali del potere trovano qui un imbattibile voltafaccia nella provvidenziale dissennatezza di un corpo che si fa e si disfa, s veste e si sveste, si sfianca, si consuma, si dibatte ossessivo e ossessionato.
Ossessionante. Pervertito e perturbante. Si deforma e si riforma. Mai si conforma.
Nel moltiplicarsi delle maschere e delle voci, dei rimandi alle miserie del presente o alla presunta attualità, ancora una volta è il cadavere della società a esser rabbiosamente massacrato.

dal repertorio di Flavia Mastrella e Antonio Rezza, con Ivan Bellavistaassistente alla creazione: Massimo Camilli
disegno luci: Maria Pastore
foto: Stefania Saltarelli

Salvatore Insana

Letto 1455 volte

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information