Giovedì, 02 Agosto 2012 15:23

Energia allo stato puro: Kasabian!

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
Energia allo stato puro: Kasabian! Foto di Daniele Rotondo
ROMA- Il festival PostePay Rock In Roma, lo abbiamo detto più volte, quest’anno ha superato se stesso con la sua programmazione perfetta e internazionale. Una organizzazione così attenta a cosa succede nel mondo della musica mondiale non poteva non aggiungere alla perfezione un gruppo che è ormai sulla cresta dell’onda, sulla bocca e nelle orecchie di tutti.

Non è bastato il tutto esaurito dello scorso 24 febbraio all’Atlantico Live. Non è bastato al pubblico e per fortuna neanche agli organizzatori. Tanto che i britannici Kasabian sono ritornati nella capitale a distanza di 5 mesi riempiendo totalmente l’Ippodromo delle Capannelle lo scorso 18 Luglio.
Il pubblico capitolino e non solo ha invaso letteralmente il grande spazio antistante il Main Stage per assistere allo show della band.
Vengono direttamente dall’Inghilterra dei Beatles e degli Oasis, il loro rock a volte psichedelico ed elettronico è decisamente impregnato di britpop. Il loro ultimo album Velociraptor targato Sony, uscito nel settembre del 2011, li ha definitivamente consacrati nell’Olimpo del Rock. Il loro successo ha varcato i confini di sua maestà e del vecchio continente, arrivando finanche a scalare il difficilissimo mercato statunitense.
Tom Meighan e Sergio Pizzorno, leaders e creatori della band, non potevano che consolidare il loro speciale rapporto con l’Italia ritornando in grandissima forma assieme agli altri loro compagni musicali. E in grandissima forma gli italiani li hanno accolti.

Il colpo d’occhio è unico. Migliaia di persone hanno cantato, saltato, ballato a ritmo dei più noti successi del IMG 9164gruppo. L’energia partiva dal pubblico, inondava il palco e percorreva il percorso contrario, in un continuo scambio.
Sul palco dove sul fondo campeggiava il loro logo, i due beniamini sono saliti accompagnati dai sempre presenti Chris Edwards al basso e Ian Matthews alla batteria e dai turnisti Jay Mehler alla seconda chitarra, Gary Alesbrook alla tromba e Ben Kealey alle tastiere e sintetizzatori.
Occhiali da sole per Meighan e immancabile fascia ai capelli per Pizzorno, osannato dal pubblico per le sue evidenti origini italiane (il padre di Sergio è di Genova). Stile anni ‘70 in generale per tutti i componenti del gruppo, quegli anni che in ogni modo omaggiano anche con chiare evocazioni nella loro musica. Dai Led Zeppelin ai Pink Floyd, e naturalmente ai loro amati Beatles.
Aprono il concerto con quello che è diventato il più famoso singolo dall’ultimo album, la potentissima e travolgente “Days are forgotten” per poi continuare, in un continuum di luci psichedeliche e di delirio, con tanti brani di Velociraptor e singoli dei precedenti album. Immancabili “Velociraptor”, “Fast Fuse”, Switchblade Smiles”, “Re-Wired”, “Let’s Roll like we used to” e naturalmente immancabile la ballata “Goodbye kiss” accompagnata da Meighan con la solita mano a forma di cuore. Bravissimo anche Pizzorno come voce in alcuni brani e bravissimi tutti e due nel coinvolgere il pubblico.
Il loro esaltante show si è concluso con un omaggio più che ovvio alla loro patria, ai loro predecessori e insieme un atto di amore verso il pubblico presente. Meighan lasciato da solo prima di lasciare il palco ha improvvisato a cappella due frasi di “She Loves you” degli scarafaggi di Liverpool, sostituendo We a She.
Un tripudio di energia ha sconquassato il cielo di Capannelle, i Kasabian sono più che una consolidata realtà ormai, sono degni rappresentanti di quel rock britannico a cui tutta la musica deve molto e che tutti gli amanti della musica devono ringraziare.

Valeria Loprieno
Foto di Daniele Rotondo e Giacomo Citro


Letto 927 volte

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information