Lunedì, 23 Aprile 2012 22:22

Erica Mou: piccola grande donna

Scritto da
Vota questo articolo
(6 Voti)
Erica Mou: piccola grande donna Foto di Giacomo Citro
ROMA- Tanta grinta, una disarmante semplicità, un talento innato e coltivato fanno di questa piccola cantautrice la rivelazione dell’anno. Il suo sorriso e i suoi occhioni verdi diretti e intensi ti guardano, ti ammaliano e ti sorprendono.



A soli 21 anni ha calcato il palco della kermesse musicale più nota del belpaese, il Festival di Sanremo, con una fermezza da veterana, senza sbagliare una nota e ha trapassato gli schermi delle televisioni italiane come se 2stesse facendo la cosa più naturale del mondo. È così che Erica Musci, in arte Mou, piccola perla della costa pugliese, è entrata nel cuore di molti, attraverso il tubo catodico in quello che è il programma più discusso, odiato e amato del palinsesto italiano.
Ma a chi vi scrive, e al magazine attraverso cui lo fa, il suo nome e il suo volto sono più che noti da anni ormai. In tempi non sospetti, quando ancora Caterina Caselli non l’aveva presa sotto la sua ala protettrice e promotrice, la cantante biscegliese, classe 1990, era stata ospite tra le pagine virtuali del nostro giornale, recensita, intervistata e seguita con passione. Dalle sue esibizioni al MArteLive e ai piccoli club della Capitale la sua strada è stata tutta in salita. È passata attraverso la splendida produzione di un cd targato Sugar, la vittoria come rivelazione dell’anno al MEI, e ultimo ma non di importanza, la vittoria del Premio della Critica “Mia Martini” e del Premio della sala stampa per il miglio testo al Festival di Sanremo 2012. Due premi che hanno il sinonimo di qualità e che l’hanno consacrata definitivamente al grande pubblico, che è accorso lo scorso 26 Marzo al Teatro Parioli di Roma per la sua data capitolina del tour.

5Insieme al suo fidato compagno artistico Majiker, pianista, arrangiatore e polistrumentista inglese, la Mou ha solcato il palcoscenico che per anni ha ospitato il Maurizio Costanzo Show, con la stessa sicurezza, lo stesso entusiasmo e la stessa emozione con cui ha sempre affrontato le sue sfide artistiche. La sua voce è dolce, vibrante e intensa. Il suo sguardo ti mette a nudo e ti disarma. Perché Erica guarda il pubblico con profondità e con una consumata saggezza (che non appartiene certo alla sua età anagrafica), rompendo l’illusione della quarta parete. Sembra che riesca a guardarti anche nel buio, per farti entrare ancora di più le sue parole nell’anima. Tocca corde emozionali con i suoi testi, con la sua melodia e con la sua umanità.
Umanità che si tocca con mano quando presenta le sue canzoni, le sue figlie, raccontando, con il suo accento e il suo tono di voce non camuffato, come, quando e perché sono nate insieme alla sua inseparabile sorella maggiore, la sua chitarra. Un connubio, quello della chitarra e voce, arricchito dai suoi giochi alla loop station con buste di plastica, cartoni di pasta, spezie, bicchieri e cucchiaini, e impreziositi dalle magiche mani al pianoforte del già citato Majiker. Degli ingredienti perfetti per un menù da gourmet, che prevedeva i brani del suo album “E’” uscito con un repackaging che comprende la track sanremese, “A mollo nella vasca da bagno del tempo”. Dall’ “Harem” iniziale a “Oltre” a “Vorrei Dirti un sacco di cose adesso” e via discorrendo, fino all’unico brano nuovo presentato, “Sincronia” , un piccolo pezzo suonato sul bordo del palco solo chitarra e voce per un problema di elettricità incorso nella serata, è stato un crescendo di emozioni, di sorrisi, di malinconia, di forza e dolcezza, di buona, ottima e rigenerante musica. Un crescendo tanto grande, per una donna così piccola, che fa ben sperare nelle nuove generazioni. Quando intorno tutti si battono a colpi di lagne e patetismi in talent show che di talento hanno veramente poco e che servono solo a far arricchire i gestori telefonici di orde di ragazzini che votano la bellezza fisica e l’arroganza più che la bravura e l’artisticità, c’è ancora chi, con i suoi vestiti semplici, il suo volto pulito e splendente, e senza lobi appesantiti da orecchini troppo grandi, riesce a svelarci la sua anima e a trasportarci in un mondo fatto di sincerità e bellezza. E dicono che il meglio verrà da ora in poi.

Valeria Loprieno
Foto di Giacomo Citro


Letto 1064 volte

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information