Martedì, 02 Agosto 2011 14:35

Su il sipario: Max Gazzè ad Ostia Antica

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
Max Gazzè al Teatro Romano di Ostia Antica Max Gazzè al Teatro Romano di Ostia Antica Foto di Federico Ugolini

ROMA- Dalla Basilicata "Coast to Coast" ai Teatri del Bel Paese in un viaggio tra poesia, sardonica ironia e tanta voglia di cantare i sentimenti. Così Max Gazzè rilancia il suo Quindi? Tour e Il Teatro Romano di Ostia Antica è tappa obbligata.

Lui, Romano de Roma, nativo di quella "Scuola Romana" tanto amata, odiata, il 1 agosto accoglie il pubblico di casa in una serata che fa presto dimenticare le piogge battenti del 19 luglio scorso.  
Il viaggio è sempre foriero di cambiamenti di stati d'animo che evolvono. E il viaggio in musica di Gazzè, è accompagnato da un disco nuovo, intriso delle consuete sonorità, ma con un pizzico di "inglesitudine" in più. Assioma che dimostra 20110801-DSC_4773_copycome l'artista è certamente poliedrico - fu anche attore per due volte - e che si lascia influenzare, da mescolanze elettroniche, e come spugna porosa, assorbe segnali provenienti d'Oltremanica. Il nostro Ulisse tra le sirene, un Cristoforo Colombo delle quattro corde che porta la sua musica per far sognare e venire voglia di perdersi tra emozioni a volte oniriche, a volte tattili, ma sempre cariche di suggestione.

Assunto che il Quindi? rappresentato in teatro, racconta la voglia di fare musica sprigionando emozioni nell'intimità del palcoscenico e delle quinte, libera il desiderio di parlare dei sentimenti di fronte ai piccoli e grandi avvenimenti della vita, delle scoperte quotidiane, del disincanto e della rinascita. Un vero e proprio percorso in note tra quesiti filosofici e questioni di scienza. Momenti di musica intima, spontanea. Max suona in scaletta alcuni cavalli di battaglia, da "Una musica può fare" a "La favola di Adamo ed Eva". Una corda del basso fa i capricci e lo invita a peculiari contorsionismi per tenere il tempo e cambiare strumento. Il piglio elettrico è ormai di uso comune e sfreccia via sui nuovi singoli di grande impatto, come "Il Drago che ti adora" e "Mentre Dormi".
"Belli Capelli!", così urlano i fan dalle gradinate; e Bellicapelli scivola sulla quattro corde descrivendo a matita, un DNA del suo settimo capitolo che ancora nasconde qualche idea di sperimentazione. Dare vita a un vero e proprio percorso in note ed è ancora "Il solito sesso" che rievoca incisioni tra le più riuscite.
E verso il calare della notte sul palco è Federico Zampaglione ad accostare la timbrica e a scaldare ancora una volta il pubblico. Accompagna Gazzè ne "La favola di Adamo ed Eva" scivolando nel Rag di "Get up Stand up" e nell'omaggio al maestro Sting (di recente visto in quel della Capitale), con "Walking on the moon". Si chiude con un brano dei Tiromancino. Zampaglione imbraccia una chitarra e grida il suo "Amore impossibile".
Il Teatro Romano, sito archeologico di prelibata sostanza, lascia defluire il pubblico, tanta polvere sotto i piedi, ma non sulle mani, liberate da molti, fragorosi applausi per l'artista romano.

Line-Up:
Max Gazzè, basso & voce
Cristiano MIcalizzi,  batteria
Giorgio Baldi, chitarra
Clemente Ferrari,  piano & synth
ft. Federico Zampaglione

Federico Ugolini
Foto di Federico Ugolini

Letto 2469 volte

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information