Giovedì, 08 Marzo 2012 11:58

O. Brenifier – J. Després, Il senso della vita

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il senso della vita1“Si possono avere, sul senso della vita, idee molto diverse e persino opposte…”
Se si compra un libro che ha come titolo Il senso della vita, ci si aspetta di avere una risposta chiara, e non dei puntini sospensivi.



Se poi il libro è rivolto a dei bambini, magari, il nostro è un tentativo di trovare quelle risposte che da soli non siamo riusciti a dare alle domande più semplici che ci vengono rivolte. E visto che con un bambino non possiamo discutere dei massimi sistemi filosofici, che magari sono ormai un vago ricordo di lezioni barbose, qualcun altro deve averlo fatto per noi.
Oggi tutto è alla portata di tutti. L’idea è quella che basti un libro o un tutorial su youtube, no? E invece no! Ne Il senso della vita, edito da ISBN, Oscar Brenifier e Jacques Després non si pongono minimamente il problema di dare una risposta al lettore. Il filosofo, Brenifier, e l’illustratore, Després, hanno scritto dell’amore e dell’amicizia, del Il senso della vita2bene e del male e dei grandi contrari filosofici, fino a discernere di tutto il senso della vita, quattro volumi basati su un’esposizione dualistica, che hanno avuto molto successo prima in Francia e adesso anche in Italia, semplicemente perché riportano alla condizione primaria dell’apprendimento la maieutica.
Se con il tempo tutto si è fatto sempre più complicato, dettagliato e rielaborato, è un piacere ricordare come Platone riportava il metodo socratico, e credo che il dialogo e il dubbio socratico siano ancora lo spunto più semplice da cui far partire ogni nostro ragionamento.

Oscar Brenifier, dottore in filosofia e collaboratore per l’Unesco non si preoccupa di esporre concetti, né di dare risposte. Brenifer, che propone una filosofia allargata e pratica, elenca come le persone scelgono di vivere, cosa c’è nel mondo, cosa c’è in noi stessi, parti contrapposte che a volte, in determinati momenti della vita, possono anche ribaltarsi e contraddirsi.
Anche per noi, quindi, possono andare bene diverse risposte in diversi momenti, e quindi rimaniamo con lo smarrimento iniziale. E questo alla fine non è importante, perché il senso della vita è pensare, capire guardarsi attorno, non è avere risposte precise e nette, altrimenti ci fossilizzeremmo su quelle e non saremmo in grado di guardare e rispettare altre scelte. Quindi il filosofo per bambini e non solo, si preoccupa solo, come se fosse poco, di invitare a cercare dentro di noi la risposta più congeniale alla domanda più difficile.
Il senso della vita3Gli omini di Després tutti uguali nelle loro tutine che cambiano solo nel colore, hanno un enorme capoccione come se tutto quello che sono fosse nella loro testa. L’espressione nulla, è il gesto che spiega le loro scelte e la loro indole. Tutti uguali e tutti diversi nei gesti, ma non nella capacità di pensare. Una chiara indicazione che le diversità sono solo apparenti, anche nella filosofia di vita.
Després esperto in illustrazione animata, nelle pubblicazioni in collaborazione con Brenifier, ferma l’immagine, ma non il gesto. I simpatici personaggi in tuta un po’ extraterrestri, sono l’uno l’immagine contrapposta dell’altro, degli specchi che compino gesti differenti. Perché le scelte di vita non sono buone o cattive, sono solo scelte, e non spetta di certo a un libro trovare il senso della vita. Ma spingere a trovarne uno proprio.

Oscar Brenifier – Jacques Després, Il senso della vita, ISBN Edizioni, pp.48, € 12.50

Rossana Calbi

 

 

Letto 2757 volte

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information