Martedì, 08 Febbraio 2011 14:55

F. Bartolomei, Giulia 1300 e altri miracoli

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

giulia1300-192x300LIBRO- Quando esci dagli schemi della mera e rassicurante esistenza e decidi di vivere, tutto può accadere. Questo il tema portante dell’opera prima (geniale e divertente) del pubblicitario Fabio Bartolomei, Giulia 1300 e altri miracoli, edito dalla e/o.

Diego, quarantenne in crisi, traumatizzato dalla morte del padre, con un lavoro che non lo soddisfa, una donna che non ama più e forse non ha mai amato e un’innata propensione alle balle, si ritrova a valutare un’inserzione immobiliare di un “casale ristrutturato, tre livelli, due ettari di terra, splendidamente immerso nella campagna” e decide di andarlo a vedere. Qui incontra Fausto, “palestrato, occhiali da sole avvolgenti e un po’ cafone” e Claudio, “magrolino, pelato a chiazze e vestito dalla mamma”, tipi figli della nostra società che con lui hanno in comune quel senso di inadeguatezza e mediocrità, che li spingerà ad intraprendere l'esperienza dell'apertura di un agriturismo, alla ricerca di un avita nuova e (si spera) migliore.
Accade anche che, a far evitare il fallimento immediato dell’impresa, sia l’intervento di un comunista nostalgico, Sergio, che ci mette del suo nella ristrutturazione dell’immobile, e che la banale fuga in campagna si trasforma in un atto di resistenza, quando nell’agriturismo si presenta un camorrista di bassa lega per chiedere il pizzo, tale Vito, che arriva a bordo della sua Giulia 1300 da cui proviene un brano di musica classica. Questo arrivo inaspettato genera una risposta imprevedibile, soprattutto da parte dei quattro guerrieri da riunione di condominio, e una serie di eventi a catena che si succedono tra comiche quanto (im)probabili reazioni. Diego e i suoi amici diventano involontari artefici di un bizzarro miracolo mentre l’agriturismo, con l’arrivo di tre immigrati ghanesi (primo fra tutti Abu che lavora nei campi circostanti) e di una giovane cuoca punk, Elisa, si trasforma giorno dopo giorno in una sorta di avamposto multietnico, anarchico e partigiano, in cui la lotta non è più per la sopravvivenza della specie, ma per quella di un sogno (e dell’affrancamento da sé).

Giulia 1300 e altri miracoli, in uscita in questo mese di febbraio nelle librerie italiane, è un libro divertente, che, pure, racconta l’Italia e i suoi difetti, con fantasia ed ironia. Bartolomei ci offre uno spaccato possibile, che vive di un coraggio quasi ideale: quello di dire basta ai soprusi, alla violenza, e in cui è possibile cambiare se stessi con un formidabile atto di volontà che a volte sembra quasi dettata involontariamente dagli eventi.
"Non un attimo di cedimento, un momento di debolezza e un calo di tono accompagnano la lettura di questo libro che diverte", leggiamo in una intervista rilasciata dall'autore a Margherita Criscuolo per Il Domani della Cultura e, aggiungiamo, fa riflettere e lascia anche sperare che, in fondo, ancora tutto è possibile.
E’ affascinante scoprire nel corso della lettura che una persona senza mezzi decide di mettersi in gioco e affrontare sfide apparentemente impossibili, solo per cercare una svolta significativa ad una vita piatta. L’apertura dell’agriturismo è quindi solo un pretesto, un piccolo passo che porterà ad un’avventura irresistibilmente ironica e nella sua crudezza assolutamente meravigliosa. I reclusi nella Taverna (i camorristi venuti a chiedere il pizzo) diventano una minaccia da combattere e da rendere innocua "e per farlo i protagonisti usano gli strumenti che per anni hanno disinnescato anche la loro esistenza" (intervista citata): Gratta&Vinci, Tv, droga e sesso, che diventano così strumenti di salvezza per un’utopia diversa, “buona”, reale, per la quale si combatte e in cui, il “miracolo della Giulia 1300” diviene elemento imprescindibile.
A leggere questo romanzo si pensa che, ancora, tutto è possibile, basta volerlo, e che combattere per i propri ideali, per i propri sogni è un processo salvifico, almeno quanto l’amore.
Un racconto di sogni ed ideali non sopiti, quindi, fatto con coerenza, eleganza, la giusta dose di ironia e humour e una innata capacità alla scrittura scorrevole, facilmente leggibile e mai banale (proprio come il plot del racconto).
Bartolomei supera la sua prima prova narrativa a pieni voti, sorprendendo anche, perché non dà mai nulla per scontato e guida il lettore nel suo mondo dei miracoli all’italiana prendendolo per mano, istruendolo con dovizia sugli accadimenti, e avendo cura di farlo senza mai diventare pedante o noioso. Così si rischia solo di ridere da pazzi…

Fabio Bartolomei, Giulia 1300 e altri miracoli, Edizioni e/o, pag. 280, € 17

Edyth Cristofaro


Letto 840 volte

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information