Martedì, 09 Novembre 2010 11:29

Dieciunitàsonanti_ Manuale d’ascesa e caduta

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Mauale_RGB_150dpiCD MUSICA- Questa volta i quattro giovanotti romani hanno deciso di non lasciare spazio all’ottimismo. Manuale di ascesa e caduta (come da manuale) si pone come una rassegna di casi della vita e di situazioni esemplari, che spaziano dalla politica all’amore, dalla nostalgia al senso di appartenenza.

Il tono della trattazione è cinico, disincantato e distaccato, sembra non esistere uno spiraglio di luce e non è di certo questo l’intento: evitando accuratamente i falsi idealismi, i testi vogliono solo mostrare con ironia le varie sfaccettature della vita e le declinazioni degli atteggiamenti umani, cullandosi sulla contemplazione degli opposti senza mai fornire risposte o certezze.
È un pop rock maturo quello dei Diuesse, evidentemente frutto di ricerche sonore accurate, per quanto ancora velato da un’incertezza di fondo che spinge a domandarsi la ragione di alcune scelte stilistiche. Ma le risposte concrete non sono di certo il “pezzo forte” del gruppo, che preferisce lavorare sui rimandi e sulle metafore, per cui le canzoni di susseguono lanciando stimoli e citazioni, arricchiti da spunti di riflessione sull’attualità italiana, di cui vi porto due esempi: Cosa ci vai a fare in vacanza a Positano senza un lavoro o qualcosa di concreto in mano?, recita “Il vino buono ce l’hanno i ricchi”, e ancora, “Ma il Paese ce la farà”, assicura il Presidente, “tutto è sotto controllo, ho fiducia nella gente”, per citare la title track. Sembra quasi che le impressioni vengano buttate lì, ad aspettare un seguito, una presa di posizione, con la conseguente mancanza di un’identità forte ed esplosiva che ci porta a dire che si avverte la mancanza di una chiusura, di un cappello generale e interpretativo.
Nonostante la sensazione di incompiutezza, nessuna critica di rilievo, perché di certo anche questo genere di scelte possono far parte a pieno titolo della personalità di un gruppo: l’album è un lavoro interessante e originale che saprà sicuramente ritagliarsi uno spazio dignitoso all’interno del panorama musicale italiano.

www.diuesse.it
www.myspace.com/diuesse
www.modernlife.it

TRACKLIST
1. Il vino buono ce l’hanno i ricchi
2. 16
3. Scientifico
4. Forse solo un’ossessione
5. Avvenimenti che sconvolsero il mondo
6. Sabot
7. Laila
8. Teresa
9. Madre
10. Manuale d’ascesa e caduta
11. Mantidi

I Dieciunitàsonanti sono:
Raffaele Violante: Batteria
Valentino Orciuolo: Basso
Alessandro Santucci: Chitarra
Alessandro Sfasciotti: Chitarra, voce

Federica Cardia

Letto 2182 volte

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information