Lunedì, 04 Giugno 2012 21:37

Garbo_ La Moda

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
garbo lamoda cdcoverE’ ritornato dopo 4 anni dall’ultimo capitolo della trilogia cromatica che comprendeva gli album, Blu, Gialloelettrico e Come il Vetro, il cantautore milanese Garbo, al secolo Renato Abate.



Esponente tra i primi della corrente new wave italiana che è nata negli anni ottanta sotto l’aura ispiratrice di David Bowie, Ultravox e Bryan Ferry, Garbo mancava dagli scaffali dei negozi dei dischi da 4 anni. Il suo ritorno è targato Discipline, la casa discografica da lui fondata nel lontano 1993 e ricostituita dopo un periodo di inattività nel 2005, e comprende 10 inediti e un packaging arricchito notevolmente dal designer e guru dell'architettura contemporanea Massimo Iosa Ghini, che firma la creazione e realizzazione grafica della copertina dell’album.

La moda, è questo il titolo dell’album, vuole prendere le distanze da tutto un mondo creato su falsi miti, su luoghi comuni standardizzati e preconcetti, un mondo di chimere ed illusioni perdute, che continua ad omologarsi e a dare importanza ad una serie di banalità e la cui cultura viene influenzata appunto dalla moda.
“La moda o i modi? Essere omologati o personali? Subire le mode o generarle?... sono domande che mi hanno stimolato fin dall'inizio della creazione di questo mio album” afferma il cantautore parlando del suo nuovo lavoro. E ancora “…viviamo progressivamente una realtà in cui la comunicazione sembra essere totalmente standardizzata e che vive a sua volta di luoghi comuni abitati da un linguaggio mediatico culturalmente povero, di facile riconoscibilità e quindi massificato”.
E così che, dopo la iniziale romantica “Sembra”, il concetto viene ribadito nella track che dà il nome all’album. Il sound è molto riconoscibile, sintetizzatori ovunque che fanno subito anni ‘80, nel caso specifico del brano “La Moda” anche il sax sembra distorto. E poi quel modo di cantare che assomiglia più al parlato e quel modo di mettere il testo in musica in maniera non melodiosa, quasi a voler dare autonomia ai due ingredienti che compongono una canzone, testo e musica, tipico della corrente a cui da tantissimi anni ormai appartiene il fedelissimo Garbo.
Tutto l’album si snoda tra sonorità acide e sintetiche, corredate da testi ricercati e vagamente ispirati alla beat generation. Un disco dalle atmosfere scure come il colore nero imperante nel suo book e nella copertina. Un progetto sicuramente imperdibile per chi ama questo genere di musica.

TRACKLIST:
1. Sembra
2. La moda
3. Sexy
4. Quando cammino
5. Sparare
6. Gira in continuazione
7. Movimento notturno
8. Errori
9. Metà cielo
10. Architettura MIG

Valeria Loprieno

Letto 832 volte

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information