Giovedì, 21 Aprile 2016 16:18

"Certifichiamo l'Arte", parola di MytemplArt

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

In occasione di Mia Photo Fair abbiamo intervistato Gianni Pasquetto general manager di MyTemplArt

1. MyTemplArt® offre nuovi servizi a supporto dei processi di certificazione e autenticazione delle opere d’arte. In cosa consistono?

MyTemplArt® è un aggregatore di servizi a supporto dei processi rivolto a tutta la filiera dell’arte. Il 28 aprile, in occasione di MIA Photo Fair, MyTemplArt® presenterà due nuove soluzioni per supportare i processi di certificazione e di autenticazione delle opere d’arte, combattere la falsificazione e la contraffazione a tutela del patrimonio artistico: la procedura di richiesta e rilascio autentica informatizzata e il sistema di protezione elettronica dell’autentica cartacea tramite QR-Code.

Finora la procedura di richiesta e rilascio autentica è stata caratterizzata da tempi lunghi e dinamiche non sempre chiare a tutti. Gli archivi detengono la paternità della certificazione delle opere degli artisti, solitamente già storicizzati, tramite il rilascio dell’attestato di autenticità detto anche più comunemente “autentica”. Tale documento può essere rilasciato anche dallo stesso artista o dalla galleria che lo rappresenta, durante la compravendita dell’opera, per garantirne l’unicità e la veridicità. Tali processi sono lunghi, tortuosi e dispendiosi, ricolmi di materiale cartaceo da spedire con attese interminabili. MyTemplArt® rivoluziona il settore artistico-culturale introducendo sul mercato soluzioni innovative volte a semplificare e velocizzare questa procedura. Archivi, artisti e gallerie potranno rilasciare le autentiche delle opere d’arte tramite la piattaforma MyTemplArt® e gestire la procedura di rilascio e ottenimento direttamente da www.mytemplart.com. Inoltre, tutti gli utenti potranno procedere alla richiesta di autentica attraverso la piattaforma, facilitando l’iter procedurale, abbreviando i tempi e garantendo l’abbattimento dei costi.

Inoltre, MyTemplArt® ha introdotto un innovativo sistema di protezione elettronica dell’autentica cartacea tramite uno speciale QR-Code che consente la tracciabilità, l’anti-contraffazione, “blindandola” al collezionista e alla relativa opera. Sempre dal 28 aprile saranno disponibili per iOS e Android due app MyTemplArt® legate a quest’ultimo sistema di protezione: MyTemplArt Pro e MyTemplArt Reader.

MyTemplArt Pro si rivolge agli autenticatori e consente la codificazione del QR-Code al fine di blindarlo all’opera e al proprietario tramite il suo numero telefonico, e sincronizzare la scheda opera con l’autentica sulla piattaforma di catalogazione MyTemplArt®.
MyTemplArt Reader si rivolge ai collezionisti e a tutti coloro che hanno opere autenticate con il QR-Code MyTemplArt® Authentication System. L’app permette la lettura del QR-Code applicato all’autentica solo dal numero di telefono associato al proprietario. Chiunque non sia il titolare e provi a leggere il QR-Code tramite l’app MyTemplArt Reader non riuscirà a visualizzare le informazioni sull’opera e il sistema MyTemplArt® avviserà il vero proprietario di un tentato accesso.
Il QR-Code è composto da materiali particolari che lo rendono inclonabile e impossibile da rimuovere una volta applicato sulla carta. Dunque il QR-Code e sua sua interazione con il device del proprietario garantisce l’autenticità del documento, impedendo la falsificazione di esso.

2. Oggi più che mai le esigenze di certificare un’unicità artistica, nel mare magnum della copia indistinta e di internet, è fondamentale. Quale è il quid “rivoluzionario” del vostro servizio?
La contraffazione delle opere è un cancro secolare per il mercato dell’arte, per non parlare della falsificazione delle autentiche, il certificato che dovrebbe garantire l’autenticità del lavoro artistico. MyTemplArt® rivoluziona il sistema arte introducendo la tecnologia a supporto di questi processi di verifica al fine di favorire la tutela e la valorizzazione delle opere d’arte. I cosiddetti “autenticatori”, coloro che detengono il potere di certificare l’autenticità, possono rilasciare le autentiche e monitorare le opere in qualsiasi momento; ed inoltre, con il sistema di protezione elettronica tramite QR-Code, l’autentica cartacea si blinda al proprietario e dunque si certifica l’originalità del documento impedendo la sua clonazione o falsificazione. Inoltre, stiamo sviluppando l’ultimo step: l’applicazione del QR-Code anche sull’opera così da chiudere il circuito tra il proprietario, l’autentica e l’opera e rendendolo inviolabile.

3.Combattere la falsificazione e la contraffazione a tutela del patrimonio artistico. Parliamo di quali ambiti artistici e di che tipo di opere?
Il problema della falsificazione e della contraffazione coinvolge tutto il patrimonio artistico-culturale nazionale e internazionale. È necessario però un cambio di mentalità da parte soprattutto degli artisti, in quanto sono loro che creano le opere d’arte e dunque sono loro i primi detentori del potere di certificare l’autenticità dei loro lavori. Se ogni artista iniziasse a catalogare le proprie opere fin dagli esordi e a rilasciare il certificato di autenticità, potremmo iniziare a pulire il mercato dell’arte radicalmente per le generazioni future.
La piattaforma MyTemplArt® e i servizi a supporto della certificazione sono rivolti a tutti gli ambiti artistici e a qualsiasi forma artistica che produce un risultato tangibile. Durante le fasi di catalogazione, la piattaforma adatta le voci di compilazione della scheda opera in base alla categoria di appartenenza in quanto sappiamo che le esigenze di archiviazione sono differenti in base al tipo di opera.
Dipinti, fotografie, disegni, grafica, sculture, arredi, design e non solo… La collaborazione con MArteLabel per la certificazione delle opere musicali (cd, Vinili, poster, t-shirt) in edizione limitata è emblematica per quanto concerne la versatilità del nostro servizio. D’altronde, dietro la copertina e il packaging di un CD, di un Vinile o un poster e una t-shirt ci sono sempre uno o più artisti o creativi ma il risultato finale è comunque un'opera d'arte unica che in quanto tale va valorizzata e tutelata garantendo l’autenticità di essa.

4. Quale è il target a cui vi rivolgete?
Una delle unicità di MyTemplArt® è l’orizzontalità dello strumento, a differenza di altri sistemi di sola catalogazione che invece sono fortemente verticalizzati. Dunque, MyTemplArt® è un progetto che si rivolge a tutta la filiera dell’arte: dai chi la produce (artisti, fotografi, designer, creatori in genere), a chi la fruisce (collezionisti, gallerie, case d’asta), a chi la diffonde (critici, storici, giornalisti), a chi la tutela e la valorizza (archivi, fondazioni, musei, corporate). Chiunque sia coinvolto nel settore dell’arte può essere interessato allo strumento grazie alla sua versatilità e completezza.
Il progetto ha una forte valenza internazionale; siamo partiti dall’Italia perché è il nostro Paese ed è tra quelli più ricchi di patrimonio artistico-culturale ma puntiamo ad approdare a Londra entro fine anno.

5. MyTemplArt® è un innovativo strumento digitale anche per la catalogazione. Come funziona?
MyTemplArt® è un innovativo strumento digitale non solo per la catalogazione ma anche per la condivisione e la tutela delle opere d’arte e dei suoi documenti. Un piattaforma cloud user-friendly che ti permette di: lavorare, modificare, visualizzare opere e/o documenti da qualsiasi luogo; condividere le informazioni secondo i filtri e le modalità stabilite dall’utente garantendo sicurezza e privacy; tutelare e valorizzare il patrimonio attraverso una soluzione unica di catalogazione semplice e completa.
Registrandosi su www.mytemplart.com si accede al proprio spazio cloud dove è possibile catalogare le opere d’arte, gestire le schede opera e le schede artisti tramite cartelle di lavoro chiamate workspace, condividere con utenti MyTemplArt e non solo singole informazioni, schede di catalogo, documenti correlati e/o intere cartelle.

6. Ma oggi più che mai siamo nell’era della condivisione, caratteristica anch’essa fondamentale di MyTemplArt®. In che modo è stata pensata?
La condivisione è uno degli aspetti fondamentali e caratterizzanti della piattaforma. Essendo uno spazio cloud, si può lavorare a più mani e da più luoghi allo stesso database; inoltre, con un clic è possibile condividi opere, artisti e cartelle di lavoro in modalità privata, definendo la durata di condivisione, abilitando gli utenti alla modifica dei dati inseriti o limitandoli alla sola lettura. Naturalmente per un progetto di questo tipo siamo stati attenti fin da subito a garantire la privacy e la sicurezza sia dei dati che delle informazioni relative agli utenti.
Stiamo infine sviluppando un sistema di networking così da agevolare maggiormente il dialogo e la condivisione tra gli account MyTemplArt®.

7. Quale è il vostro obiettivo più vicino? Cosa vi aspettate dal contesto artistico e dal mercato italiano?
L’obiettivo primario è catalogare, tutelare e valorizzare il patrimonio culturale nazionale e internazionale grazie alla partecipazione di tutta la community dell’arte che alimenta la piattaforma. Inoltre, MyTemplArt® vuole rivoluzionare i processi di gestione del patrimonio e delle attività correlate, come quella della certificazione. Attualmente il management dei beni culturali non ha a disposizione uno strumento di lavoro integrato che coniuga tutti gli elementi organizzativi del sistema: dalla catalogazione, alla gestione dei documenti correlati; dai processi di autenticazione e gestione del patrimonio alla condivisione dei dati per facilitare il networking e il lavoro. Noi abbiamo creato una piattaforma che unisce tutto questo sfruttando le ultime soluzioni tecnologiche.

SEGNALAZIONE: venerdì 29 aprile alle ore 18.00 all’interno di MIA Photo Fair, MyTemplArt® presenterà questi servizi durante il talk Certificare l’autenticità delle opere d’arte. La tecnologia a supporto del sistema “arte”. Gli artisti Luigi Gattinara e Alex Pinna si confronteranno sul tema della certificazione e sull’importanza di garantire l’autenticità nel settore artistico. Gianni Pasquetto, General Manager di MyTemplArt®, e Paola Sacconi, Communication Manager di MyTemplArt®, illustreranno tutti i vantaggi del progetto in rapporto a queste tematiche.

Letto 1124 volte

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information