Venerdì, 12 Febbraio 2016 10:55

Gli dèi nella street art di Pixelpancho alla Galleria Varsi

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

E se nel futuro fossimo tutti dèi?

Pixelpancho, l'artista torinese dalla formazione accademica valenciana, presenta la sua personale visione dell'uomo del domani alla Galleria Varsi di Roma.

 

Il giovane artista, nato a Torino nel 1984, è stato introdotto all'arte grazie alle lezioni di pittura del nonno e ai viaggi in Spagna che gli hanno permesso di perfezionare e interiorizzare tutte quelle tecniche che lo hanno portato oggi a colorare con le sue opere le strade delle principali città europee.
Dal mondo rappresentato nei suoi murales, in esposizione dal 19 febbraio al 3 aprile, emerge un'immagine forte, a tratti profetica, in cui i robot e il decadimento umano si fondono in un tutt'uno di perfezione artistica e desiderio di immortalità.

Se il sogno di ogni artista è quindi quello di essere ricordato nei secoli grazie alle proprie opere, Pixelpancho in questi lavori riesce a scardinare le barriere tra reale e trascendentale creando gli Androidèi, robot-dèi dalle forme umane che ambiscono all'immortalità.
Una metafora visionaria delle nostre paure. O delle nostre speranze?

www.galleriavarsi.it

Letto 931 volte

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information